Napoli (Campania) 06 giugno 2017

Manifestante “Insurgencia” aggredito alla Stazione di Napoli

Nel giorno dell’inaugurazione ufficiale della nuova Stazione Porta del Sud ad Afragola della Tav, treno ad alta velocità, che promette di cucire il territorio e collegare il Mezzogiorno al resto del paese, un gruppo di giovani manifestanti di Insurgencia, centro sociale occupato, stava protestando in prossimità dei binari della stazione centrale di Napoli a Piazza Garibaldi, quando viene respinto dalle forze dell’ordine. C’è da premettere che non avevano armi, oggetti contundenti, ma solo uno striscione, esposto con fierezza ai passanti e ai giornalisti invitati a partecipare all’apertura alle autorità e alla stampa della Stazione nell’hinterland. I ragazzi sono stati respinti con manganelli e spintoni finché, alle porte in vetro della struttura accade l’impensabile: Fabiano Panza, uno degli uomini del piccolo sit in, si ritrova sul pavimento col volto sanguinante e la camicia strappata. Noi reporter accorriamo e documentiamo il tutto, intervistandolo e chiedendogli chi fosse e cosa volessero dimostrare, cosa intendessero fare. Lui, che si presenta in video, ci spiega che la loro era solo una dimostrazione, un corteo per dire NO alla Tav in provincia di Napoli, a questa stazione cattedrale nel deserto su cui pendono pesanti sospetti di infiltrazioni criminali e camorristiche.

Renato Aiello
giornalista pubblicista
free-lance

Facebook: https://www.facebook.com/renato.aiello
https://www.facebook.com/favolosomondorenatoaiello/
Google Plus: https://plus.google.com/u/0/+RenatoAiello7
Linkedin: https://it.linkedin.com/in/renato-aiello-6b648896
YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCMveV6-URnRUDTiJwUmgGPw
Instagram: @renovajl
https://www.instagram.com/renovajl/
500px: https://500px.com/renatoaiello
Twitter: @RenatoNovAjello

Vimeo: https://vimeo.com/renatoaiello