Barano D'ischia (Campania) 30 settembre 2016

ISCHIA-AMMINISTRATORI SI SCUSINO X MANCATI LAVORI A PALESTRA

ANZICHE’ CHIEDERE UMILMENTE SCUSA ALLA POPOLAZIONE SCOLASTICA DELLA MEDIA “SCOTTI” DI ISCHIA PER LA MANCATA ESECUZIONE DEI LAVORI PRESSO LA PALESTRA INAGIBILE, ENZO FERRANDINO SI ARRAMPICA AGLI SPECCHI, CERCA DI DIFENDERE L’INESISTENTE OPERATO DELLA SUA AMMINISTRAZIONE E PROMETTE IN ALTERNATIVA PER L’ORA DI SCIENZE MOTORIE L’UTILIZZO DELLA PISCINA COMUNALE E DEL PALAZZETTO DELLO SPORT, DUE STRUTTURE SPORTIVE CHE ATTENDONO ANCORA IL COLLAUDO…

di Gennaro Savio

Non si placano le polemiche per la mancata esecuzione, a distanza di ben due anni dall’effettuazione della gara d’appalto, dei lavori di straordinaria manutenzione presso la palestra della scuola media “Giovanni Scotti” di Ischia. Palestra che risulta completamente inagibile da circa un anno perché ogni qualvolta piove si allaga a tal punto da sembrare una vera e propria piscina. Ma perché da due anni a questa parte i lavori non sono mai iniziati? A spiegarcelo sono stati gli stessi amministratori comunali. In effetti nel settembre dello scorso anno, e cioè quattro mesi prima che intervenissero i vigili del fuoco a decretarne la definitiva inagibilità, mentre tutto era pronto per l’apertura del cantiere, l’amministrazione comunale per dare la possibilità alle società sportive di continuare ad allenarsi nelle ore pomeridiane presso la “Scotti”, fece slittare l’inizio dei lavori e quando nelle settimane scorse si sarebbe dovuto finalmente mettere mano all’intervento di ordinaria e straordinaria manutenzione, la ditta ha rinunciato all’incarico. E così, a causa di una scelta politicamente scellerata fatta dall’amministrazione comunale guidata da Giosi Ferrandino di far slittare i lavori, a tutt’oggi presso la scuola media di Ischia non solo il cantiere non è stato ancora aperto, ma gli studenti che la frequentano anche quest’anno saranno “orfani” della loro palestra: assurdo! Nei giorni scorsi per chiedere ed ottenere quanto prima la consegna della palestra, i genitori hanno tenuto a scuola ben due assemblee. Assemblee alle quali hanno partecipato anche i componenti dell’amministrazione in carica come Ottorino Mattera, Carmen Criscuolo ed Enzo Ferrandino che è intervenuto a nome dell’intera maggioranza. Ebbene, in tutte e due le circostanze il sindaco facente funzioni Enzo Ferrandino anziché chiedere umilmente scusa alla popolazione scolastica per la mancata esecuzione dei lavori che sarebbero dovuti partire circa un anno fa, ha provato invano di “arrampicarsi” agli specchi, cercando persino di difendere l’inesistente operato della sua amministrazione: da non credere!!! Fortunatamente, però, c’è stato chi tra i genitori lo ha facilmente zittito ponendo dinanzi alle proprie responsabilità la sua compagine amministrativa che dopo circa dieci anni di malgoverno ci consegna un paese socialmente morto, abbandonato e degradato. Ma a via Iasolino chi gestisce le sorti del Paese alla corte di Giosi Ferrandino è talmente preoccupato che i genitori scendano in piazza per rivendicare con forza il diritto dei propri figli ad avere la palestra agibile e funzionante, che stanno cercando affannosamente di correre ai ripari. Infatti lo stesso Enzo Ferrandino ha annunciato che per dare la possibilità agli studenti della “Scotti” di poter svolgere l’importante attività di scienze motorie, saranno messe a disposizione della scuola ben due strutture sportive: il palazzetto dello sport e la piscina comunale, strutture interessate negli ultimi tempi da lavori e che attendono ancora di essere collaudate e per questo al momento risultano inutilizzabili. Una soluzione che in ogni caso penalizzerà gli studenti i quali ogni settimana saranno costretti a svolgere due ore consecutive di ginnastica e una volta rientrati in classe la stanchezza accumulata non gli consentirà di avere il massimo della concentrazione durante le lezioni così come confermato anche dagli addetti ai lavori. Vicesindaco facente funzioni Enzo Ferrandino e Amministratori tutti di Ischia, è ormai inutile cercare di arrampicarvi agli specchi e tentare di difendere l’indifendibile operato della vostra compagine amministrativa. E’ inutile perché non avete la credibilità politica per farlo. Il vostro fallimento politico ed amministrativo nel paese è sotto gli occhi di tutti. Basta proclami. I ragazzi della scuola media di Ischia hanno diritto a riavere finalmente la loro palestra e voi avete il dovere morale, ancor prima che amministrativo, di consegnarcela quanto prima. Dovere a cui venite meno da ben due anni. E in attesa che i lavori finalmente inizino, il mio appello ai genitori è sempre quello affinché si mobilitino e scendano in piazza per rivendicare il diritto a riavere una palestra funzionante all’interno della “Scotti”.