Barano D'ischia (Campania) 10 ottobre 2016

DOMENICO SAVIO X PROTESTA NON VOTA RINNOVO CITTA’ METROPOLIT

DOMENICO SAVIO: “NON SIAMO ANDATI A VOTARE PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO PER NON CALPESTARE LA SOVRANITA’ POPOLARE GARANTITA DALLA COSTITUZIONE SCATURITA DALLA LOTTA PARTIGIANA E ANTIFASCISTA!”

di Domenico Savio*

Domenica scorsa i sindaci e i consiglieri comunali dell’ex provincia di Napoli sono stati chiamati a votare, a Napoli in piazza Matteotti n.1, per eleggere il nuovo consiglio metropolitano, perché gli ultimi tre presidenti del consiglio dei ministri – Mario Monti, Gianni Letta e Matteo Renzi, voluti e sostenuti in modo particolare dall’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dal partito democratico – e i loro governi, che non sono stati mai candidati né eletti direttamente dal popolo, ma votati da un parlamento che a sua volta è stato nominato con una legge elettorale, cosiddetta Calderoli, detta con connotazione dispregiativa anche Porcellum, in parte dichiara illegittima dalla Corte Costituzionale, hanno abolito le province confermate dalla Costituzione borghese democratica scaturita dalla lotta partigiana e antifascista e promulgata il 1 gennaio 1948.