Belgio, Paese estero 14 novembre 2016

Bruxelles, 6 paesi disertano il vertice Ue

L’Unione europea riprende il filo dell’azione comune nei rapporti con i soggetti internazionali nel nuovo scenario politico mondiale. Ma lo fa perdendo pezzi. Per la prima volta, infatti, sei Paesi hanno di fatto disertato il vertice dei ministri degli esteri dell’Ue a Bruxelles. Al centro dell’incontro c’erano i nuovi rapporti con l’America di Trump, ma anche gli ultimi sviluppi in Turchia la sempre maggior repressione del regime di Erdogan, la situazione in Siria e nel Vicino Oriente. L’Alto Rappresentante per la Politica estera e di sicurezza comune dell’Ue, Federica Mogherini, parlando con i giornalisti al termine della cena informale che lei stessa aveva convocato domenica sera, ha semplicemente detto che «è stata una buona riunione con tutti i 28 paesi dell’Ue presenti», sorvolando sul fatto che in realtà per sei Stati membri non ha partecipato il ministro degli Esteri titolare, ma il rappresentante permanente a Bruxelles (Regno Unito, Francia, Malta e Irlanda), un viceministro (Lituania) oppure un direttore politico (Ungheria). Molto in ritardo, per un ritardo del volo, il ministro tedesco Frank-Walter Steinmeier.