Australia, Paese estero 12 novembre 2015

Australia, sei ragazzi di colore cacciati dall’Apple Store

Polemica contro la Apple in Australia: alcuni dipendenti dell’Apple Store di Melbourne sono stati accusati di non aver fatto entrare sei ragazzi di colore perché “potenziali ladri”. E’ successo nel punto vendita chiamato HighPoint. I protagonisti del gesto sono stati due guardie di sicurezza e un impiegato del negozio. I ragazzi, del college di Maribyrnong, hanno postato su Facebook il video con questo commento: “Semplicemente razzismo”. “Loro (le guardie) sono un po’ preoccupati per la vostra presenza qui – si sente dire dallo staff – Presumiamo che possiate rubare qualcosa”. Alla richiesta di spiegazioni da parte del gruppo degli studenti, l’impiegato risponde: “Ragazzi, fine del discorso, vi devo chiedere di andarvene”. Il direttore dell’Apple store ha chiesto scusa ma la Apple è stata subissata di insulti sui social network. Video da Youtube