Montagnana (Veneto) 04 settembre 2016

100%animalisti al palio di Montagnana – cori e tensioni finali con gli spettatori

Comunicato di Centopercentoanimalisti

Anche quest’anno i militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI erano presenti con un presidio al palio di Montagnana (Padova) domenica 4 settembre. Nonostante il comitato organizzatore dichiari di aver preso tutte le misure di sicurezza, ci sono state ben tre cadute, a testimoniare la pericolosità di questi eventi. Per fortuna senza gravi conseguenze per i Cavalli, solo un fantino sembra abbia riportato una contusione a una gamba. Osserviamo che, se fosse un Cavallo, il suo destino sarebbe segnato….

Scarso il pubblico, gli spalti quasi vuoti e soprattutto una demotivazione totale: un’aria deprimente, degna di un funerale, segno evidente che oltre dieci anni di presidi di Centopercentoanimalisti abbiamo portato dei risultati. Ci si chiede che senso abbia mantenere in vita questi palii, che sono solo uno spreco di soldi e sofferenza e rischio per i Cavalli. Questi ultimi sono stati tenuti per lungo tempo al cavo di partenza, sotto il sole, in una giornata afosa, mentre il mossiere li faceva andare avanti e indietro, cercando di imitare gli squallidi rituali del palio peggiore di tutti: quello di Siena, il palio assassino.

Tra tutti i fantini che sono stati derisi dai militanti, oltre al mossiere e Fra Carlo, un posto particolare lo ha avuto Jacopo Pacini, proprio perché senese (tra l’altro ha rimediato una magra figura).

Quando si capirà che le corse di Animali, che qualsiasi uso degli Animali per il divertimento umano sono immorali e fuori del tempo, e da abolire? Da segnalare attimi di tensione alla fine del presidio tra i nostri militanti e alcuni contradaioli attempati di Urbana, comune rappresentato dal fantino senese Pacini, per l’appunto.