Forlì-Cesena (Emilia-Romagna) 13 ottobre 2018

Presentazione dei primi risultati scientifici sulle reliquie di San Mercuriale (21 ottobre)

DOMENICA 21 OTTOBRE, in occasione della festa di San Mercuriale, alle ore 16.30, presso l’Abbazia di San Mercuriale, Piazza Saffi, Forlì:

PRESENTAZIONE dei RISULTATI PRELIMINARI
delle ANALISI sulle RELIQUIE di SAN MERCURIALE
Relatori: Dott. Mirko Traversari, Antropologo fisico e Paleopatologo,
e Dott. Enrico Petrella, Medico Radiologo.
PRESENTAZIONE DEL NUOVO RELIQUIARIO,
opera del Laboratorio Marmi di Franco Spagnoli di Carrara (MS),
dono del Lions Club “Terre di Romagna” di Forli

Il progetto, iniziato mercoledì con la “ricognizione canonica”„ nasce grazie ad una proficua collaborazione tra ricercatori ed istituzioni.
Protagonisti dell’ iniziativa il gruppo Ausl Romagna Cultura, il Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Bologna – sede di Ravenna e la Diocesi di Forlì-Bertinoro, con il contributo del Lions Club Forlì-Cesena Terre di Romagna, particolarmente attivo su attività di valorizzazione e tutela della città di Forlì, che si è dimostrato immediatamente sensibile all’importante iniziativa.
Oggetto dello studio scientifico dei ricercatori sono le preziose reliquie di SanMercuriale, custodite in tre chiese forlivesi, e in particolar modo, nella Basilica dedicata al Santo. “Non è la prima volta che le reliquie di San Mercuriale sono oggetto di analisi e studi” – spiega l’antropologo fisico e paleopatologo Mirko Traversari, che coordinerà le ricerche – “Già nel corso degli anni ottanta venne operata una ricognizione dal compianto professor Cleto Corrain dell’Università di Padova. Naturalmente oggi abbiamo a disposizione tecnologie molto più sofisticate, che possono fornire dati importantissimi sui resti terreni del Santo, valutando, in primis, lo stato di conservazione delle sacre reliquie, al fine di garantirne la corretta preservazione per le generazioni future.”

“Il progetto non si limita all’importante studio scientifico delle reliquie, effettuato dagli esperti dell’Università” – spiega Tiziana Rambelli, coordinatrice della comunicazione per Ausl Romagna Cultura .