Milano (Lombardia) 10 luglio 2015

Ò smagiá lâ tùaia: 18 artisti in mostra protagonista il vino

La Fondazione Luciana Matalon ospita, in Foro Bonaparte 67, a Milano, dal 16 al 31 luglio e per tutto il mese di settembre l’esposizione di opere realizzate da diciotto autori di arte contemporanea e concettuale: Apostolo, Duscian, Riccardo Ghirardini, Gico, Pino Lia, Rossana Schiavo, Narciso Bresciani, Mario De Carolis, Ruggero Maggi, Elena Rumis, Armando Tinniriello, Micaela Tornaghi, Tania Lorandi, Clara Brasca, Nives Marcassoli, Stefania Romano, Gianni Macalli, Stefano Sevegnani. Il titolo della rassegna “Ò smagiá lâ tùaia. Vino versato ad arte”, richiama l’evento che si tiene da quattro anni nel mese di settembre a Stradella, che ha per obiettivo la valorizzazione e la diffusione della conoscenza del vino dell’Oltrepò. La mostra, infatti, presenterà i lavori di action painting realizzati dagli artisti in occasione dell’evento, utilizzando vino miscelato a materiali vari, dando con i pennelli spazio all’estro e alla fantasia e trasformando il vino in vera e propria materia pittorica, da stendere e plasmare. Ideatore e direttore artistico del progetto è Lorenzo Alagio che indica come scopo dell’iniziativa il “far conoscere l’arte, ma anche diffondere, attraverso la forza dell’arte, la conoscenza dell’elemento più forte del brand Oltrepò, il vino”. Il senso della performance, sottolineano gli organizzatori, è lo stimolo a ritrovare la naturalezza della vita, oltre i paradossi comportamentali della società attuale, oltre le finzioni, ripartendo dalle tradizioni di una terra ricca di storia e cultura.
L’orario settimanale di apertura della mostra è dal martedì al sabato, dalle ore 10.00 alle 19.00, l’ingresso è libero.
Venerdì 17 luglio alle 17.00 il vernissage della manifestazione, nel corso della quale interverranno Alberto Mori con “1717171717GLASSPOINT1717171717”, performance per trasparenza sonora, e Brigata Topolino, il duo di performance di ispirazione Fluxus Mariano Bellarosa e Claudio Gavina, attivo dal 2011.