Bagni Di Lucca (Toscana) 31 gennaio 2017

Sentenza del processo della strage di Viareggio: COLPEVOLI

Alle ore 15.00 di oggi è stata emessa la sentenza di primo grado del processo della strage di Viareggio. Il collegio guidato dal giudice Boragine ha deciso di condannare 23 dei 33 imputati riconoscendo la loro colpevolezza. Tra questi l’ex AD di Ferrovie Mauro Moretti (7 anni) e l’ex AD di RFI Michele Elia (7 anni). La sentenza ha inoltre previsto il risarcimento dei danni a carico delle società imputate e dei condannati, e pure al risarcimento delle famiglie delle vittime, alla Provincia di Lucca ed alla Regione Toscana che si erano costituite parte civile nel processo.
I giudici del tribunale di Lucca hanno assolto 10 imputati per non aver commesso il fatto che sono: Andreas Barth dell’Officina Jungenthal di Hannover, Andreas Carlsson, sempre della Jungenthal di Hannover, Joachim Lehmann, supervisore esterno della Jungenthal, Massimo Vighini, Calogero Di Venuta, responsabile della Direzione compartimentale di Firenze Movimento Infrastrutture, Giuseppe Farneti, sindaco revisore di Fs prima e poi di Italferr, Gilberto Galloni, ad di Fs Logistica, Angelo Pezzati, predecessore di Di Venuta, Stefano Rossi e Mario Testa. Assolto anche Moretti dai reati a lui ascritti come ad di Ferrovie e Vincenzo Soprano, limitatamente ai reati ascritti come ex dirigente di Fs. Esclusa la responsabilità per illecito amministrativo anche di Ferrovie dello Stato Spa, di Fs Logistica, di Cima Riparazione. Moretti, hanno sottolineato i suoi legali, è stato condannato nella sua qualità di ex amministratore delegato di Rfi ma assolto come amministratore delegato di Ferrovie dello Stato.