Civitavecchia (Lazio) 16 luglio 2014

Rai chiude ripetitore a Civitavecchia, si girano le antenne

Con il Switch-off del digitale terrestre avvenuto per la provincia di Viterbo tra il 22 e il 30 novembre 20011, unica area del Lazio ancora analogica, si è creato l‘oscuramento dei segnali Rai nella città di Civitavecchia. Denunciato in una nota stampa dall’ex capogruppo consigliare dell’Italia dei Valori al Comune di Civitavecchia, Vittorio Petrelli nel 2011.
I fatti gli hanno dato ragione, ad oggi 16 luglio 2014 abbiamo un servizio con continui buchi di segnale TV. E non solo, si apprende da comunicati post su Internet, che la Rai Regione Toscana è in ritardo sul completamento degli adeguamenti tecnici degli impianti. In particolare sulla fascia Tirrenica, dove insiste il nostro ripetitore di segnale. (Vedi Post allegato (foto))
«Incomprensibile e ingiustificabile che dopo soli cinque anni di digitale terrestre e dopo tutte le spese effettuate dalle famiglie per orientare le antenne a Monte Paradiso, ora gli utenti di
Civitavecchia, che pagano il canone, sono stati costretti ad accollarsi altre nuove spese per fare il contrario, con ulteriori aggravi economici». « RaiWay, proprietaria della rete di trasmissione della diffusione del segnale Rai, ha programmato per Civitavecchia, l’avvenuto cambio dal 22 novembre 2011, l’interruzione della trasmissione dei segnali del digitale terrestre, relativi all’offerta Rai attualmente provenienti dal trasmettitore di Monte Paradiso».
Questo ha reso necessario un nuovo orientamento delle antenne verso il ripetitore di Monte
Argentario, con altri costi per i civitavecchiesi, il risultato di avere un servizio alternato a giorni o a settimane . Infatti come previsto dal consigliere dell’Idv, anche questa soluzione non può essere sufficiente per i residenti delle zone centrali ma anche, come si dimostra in alcune zone della Civitavecchia alta Faro e V.le P. Togliatti, che rimangono spesso oscurati dal servizio pubblico e saranno costretti ad acquistare addirittura un altro decoder (con parabola annessa) per ricevere il segnale della Rai dal satellite con Tivù Sat.