Palermo (Sicilia) 07 agosto 2016

PALERMO-IL CASO GIOACCHINO MATTIOLO

PALERMO – IL CASO MATTIOLO
07.08.2016
a cura di F. Gangemi
di Francesco Gangemi

Trascrizione intercorsa tra il signor Mattiolo e il suo ex legale penalista Marcello del foro di Palermo, avvenuta il 27/12/2012. Con la lettera “C” indico l’avv. Marcello e con la lettera “M;” indico il signor Mattiolo.

C: allora signor Mattiolo, che succede, tutto apposto?… M: tutto apposto… (NDR dicendogli che ho trovato lavoro fuori, precisamente a Milano in modo da rassicurarlo poiché ho avuto la sensazione che non fosse sincero… C: stavo pensando, se la chiamano per quelle video registrazioni? Stavo pensando… mi ponevo il problema di questo video dvd… potrei consegnarli io alla Dottoressa Mazzocco per evitare che poi la chiamano visto che lei va fuori… M: ma, queste registrazioni sono più per una questione lavorativa (avendo capito che probabilmente l’avv. non fosse esplicito, sempre sensazioni e avevo già riferito anche alla Polizia NDR)… C: si, ho capito, ma e per dimostrare che non c’è niente di nascosto da parte nostra, questo è il concetto che si vuole, perché pensano che lei si vuol tenere qualcosa, altrimenti quelli (riferendosi al Magistrato e alla Polizia NDR) pensano che lei ha delle prove e se li vuole tenere nel cassetto, perché io già glielo ho detto alla Dottoressa (riferendosi alla Mazzocco NDR) che non ci sono prove rilevanti in questi dvd, perché lei, signor Mattiolo, deve anche capire la mentalità di loro, quindi io potrei fargliele avere io con una nota intanto che me li ha consegnati, perché lei è fuori Palermo per lavoro, e secondo me è meglio così, per cui se lei me li porta domani, io dopo il Capodanno glieli porto, visto che lei parte, a questo punto per evitare che poi cominciano a telefonare, chiedendo, ah è partito; come (riferendosi sempre alla Dottoressa Mazzocco e Polizia NDR) che poi pensano, cose che non esistono su lei, io gli dico (riferendosi sempre alla Dottoressa Mazzocco e Polizia NDR) anzi, non gli dico dov’è, che ha trovato fuori dalla Sicilia lavoro, che lei mi ha lasciato questo (dvd NDR), così se la vedono loro, perché altrimenti cominceranno a telefonare, a cercarla, vorranno sapere da me (riferendosi sempre alla Mazzocco e Polizia NDR) dove si trova lei e io non lo so, quindi io le consiglio così, se la vedono loro, io già avevo riferito a loro che non c’era nulla d’importante in questi altri dvd che lei aveva, però loro (riferendosi sempre alla Mazzocco e Polizia NDR) si erano convinti che dietro ci fosse qualche cosa… ci siamo capiti?… M: ma lei non ha incontrato la Dottoressa Mazzocco per sapere se ha sentito le registrazioni che gli ha consegnato ad inizio dicembre 2012?… C: no, io oggi non l’ho vista, non l’ho voluta pressare, ha capito?… siccome ci sono state le feste natalizie in mezzo, però lei (riferendosi alla Mazzoco NDR) mi ha detto che oggi e domani era in ufficio, ma io non ci credo, in Tribunale di Palermo non c’è nessuno, comunque io, lei, lei domani me li porta i dvd di pomeriggio, e poi io il 3 Gennaio 2013, con una nota scritta vado a trovarla alla Dottoressa Mazzocco… M: perfetto!… C: quindi, come ha fatto a trovare lavoro a Milano? Ma quanti fratelli siete?… M: quattro, quello che sta a Milano mi ha trovato forse questo posto di lavoro sempre nel campo della vigilanza… C: quindi, lei non vuole più ricorrere all’avvocato lavorista Lo Presti (Onorevole ed amico suo NDR)… M: per il momento non m’interessa più ricorrere al lavorista poi vedo più in là, prima devo vedere se mi assumono a Milano, qui in Sicilia non mi fanno lavorare, in qualsiasi Istituto di vigilanza mi sono rivolto ho avuto risposte negative, ma le assunzioni le facevano… la mia compagna è in fase di trasferimento visto le cose che ci sono state, infatti se ne occupa la Brigata Esercito Italiano, qui a Palermo stiamo male visto quello che c’è… C: Certo, questa io le consiglio di farlo, quella della consegna a me dei dvd, così evitiamo che poi cominciano a cercare (riferendosi sempre alla Dottoressa Mazzocco e Polizia NDR) perché io il 2 (riferendosi a Gennaio 2013 NDR) glieli porto e gli spiego la situazione, così evitiamo con le telefonate eccetera, eccetera e perché poi cominciano a pensare che lei ha avuto delle minacce e non vuole riferirle, o che lei si vuole tenere una prova a futura memoria, a momento opportuno, come una sorta di asso nella manica da uscire fuori, questo è controproducente, ci crea dei problemi… M: mi auguro che la Dottoressa Mazzocco legga quello che ha in mano sulla mia situazione il prima possibile… C: ripeto, gliela avevano consegnato alla Mazzocco e non le aveva ancora lette, ripeto io domani nella tarda mattinata ci faccio un salto dalla Dottoressa Mazzocco, per vedere se le ha lette o meno, infatti ripetendo il discorso che abbiamo fatto (quindi di consegnare i dvd NDR) perché le informazioni sul lavoro di Guardia Giurata le prendono a Palermo gli organi di Polizia, e sempre bene camminare sistemati perché se noi appariamo come quello che poi improvvisamente scompare e non porta più niente, noi dobbiamo seguire una logica capito, quindi mi porti tutto domani e li consegni alla mia segretaria va bene, poi se ci sono delle novità gli dico che gli voglio parlare e, e, e… M: al solito nostro (riferendomi di non parlare al cellulare poiché precedentemente mi aveva detto che il mio numero telefonico fosse sotto controllo.
C: si infatti.
FINE
***
Senza dubbio Marcello è un avvocato di grido tuttavia mia sia concesso formulare una mia personale e libera opinione. Intanto, il legale avrebbe dovuto intuire che il, diciamo, suo assistito non avesse trovato lavoro a Milano poiché la famiglia Basile è già a Milano dove ha conquistato delle commesse importanti. Comunque, mi riesce difficile capire l’insistenza del legale volta a impossessarsi delle registrazioni del signor Mattiolo per consegnarle, se ho ben capito, alla dr.ssa Mazzocco, con la quale il suo assistito aveva già parlato e denunciato i fatti. Avv. Marcello il signor Mattiolo non ha la necessità che altri consegnino registrazioni alle Polizia poiché l’avrebbe potuto dare egli stesso. Semmai, a mio molto sommesso parere, illustre avvocato Marcello, Lei avrebbe dovuto fissare un appuntamento con la dr.ssa Mazzocco e presentarsi assieme al suo assistito. Mi sbaglio?
Con referenza.
Francesco Gangemi