Occhiobello (Veneto) 10 luglio 2017

Le Gabbie Vuote contro la sagra “facciamo la festa al porco” a Occhiobello (Ro)

Ieri 9/7/2017 gli attivisti de Le Gabbie Vuote hanno organizzato un presidio di protesta contro la sagra ‘Facciamo la festa … al porco’, organizzata dalla protezione civile di Occhiobello (RO), sagra dal nome e dalla tematica offensiva verso la sofferenza di animali estremamente simili ai cani.
Il termine ‘porco’ compariva ripetuto molte volte nel menù, tutto basato su pezzi dei cadaveri di queste povere creature, con pietanze grasse, composte da grigliate, salumi e sughi a base di grassi animali.
A noi sta a cuore la tutela degli animali, che però è di fatto legata alla tutela della propria salute e alla salvaguardia del nostro territorio. Le tematiche trattate sono state il sistema sanitario nazionale ormai al collasso, in quanto sempre più spesso deve fronteggiare le nuove malattie del benessere legate al consumo di carne; la fame nel mondo, causata dalla sottrazione dei cereali coltivati nei paesi dove si patisce la fame, che vengono destinati a far ingrassare gli animali, il non più sostenibile spreco d’acqua, l’inquinamento causato dagli allevamenti, ecc. ecc.
Le scelte alimentari riguardano tutti, quelle da noi proposte sono etiche e si ripercuotono in modo benefico su tutto il pianeta.
Ci auguriamo che la protezione civile di Occhiobello rifletta su quanto abbiamo esposto nella protesta. Uno degli organizzatori è venuto a parlarci e lo ringraziamo per questo, dicendo che è anche guardia zoofila di Lega ambiente di Ferrara, per cui ci auguriamo proprio che la raccolta fondi del prossimo anno, non veda protagonista una festa così diseducativa, offensiva e non ecosostenibile.
In caso contrario torneremo anche il prossimo anno, ad esporre le nostre ragioni.