Roma (Lazio) 15 marzo 2017

La Contessa Rossa e il mistero della distribuzione fantasma.

Non si chiarisce il “mistero” de “La Contessa Rossa”, il romanzo di Niky Marcelli edito per i tipi di Teke Editori che – nonostante sia giunto alle soglie della terza ristampa – continua a risultare “fuori catalogo” sui terminali delle principali librerie.
“Siamo usciti a novembre con la seconda ristampa, dopo il tutto-esaurito della prima edizione”. Racconta l’autore, Niky Marcelli. “E da subito ci sono state segnalate delle difficoltà a reperire il libro. La gente andava a cercarlo in libreria e gli dicevano che era ‘fuori catalogo’. Soltanto i fortunati che hanno trovato un commesso sveglio, che ha approfondito la ricerca in rete, sono riusciti a conquistarne una copia”.
Marcelli sostiene di non avere la minima idea circa l’origine del problema. “Io scrivo e basta. Ho parlato con l’editore Teke già ai primi di dicembre e anche con il distributore Libri&Co. Anche loro non sanno capacitarsi. Mi sono fatto il giro delle librerie di mezza Roma e in alcune il romanzo risulta regolarmente in catalogo, in altre invece no. Evidentemente non esiste un motore di ricerca comune per i cataloghi librari e chi lo inventerà, probabilmente, farà i miliardi, ma al momento la situazione è questa. Certo, non capisco, con tutta la buona volontà, come sia possibile che da novembre ad oggi – e sono passati quattro mesi – non si siano aggiornati anche tutti gli altri cataloghi. Forse bisogna mandare una e-mail a ciascuno di loro, ma non credo di dover essere io ad occuparmene. Anche se, all’occorrenza, non avrei alcun problema a farlo”.
I libri, anche pregevoli, “ammazzati” da una distribuzione non all’altezza sono purtroppo all’ordine del giorno e i piccoli editori, che faticano non poco a far quadrare i conti e rischiano quotidianamente lanciando nuovi autori, si trovano spesso alle prese con situazioni insostenibili.
“E’ quasi una mafia!” Ci rivela il dipendente di una casa editrice che non vuole essere citato. “Buona parte dei distributori pretendono la loro percentuale in anticipo. Ovvero, se tu consegni loro dieci copie, gli devi anche dare, contestualmente e sull’unghia, i soldi che spetterebbero loro se tu le vendessi tutte e dieci. Se poi ne vendi una o nessuna, sono fatti tuoi. Si capisce che, a queste condizioni, è impossibile per la piccola e media editoria accedere a distributori che facciano arrivare il libro su tutti gli scaffali. Molti sono costretti a servirsi di distributori ‘su ordinazione’. Ovvero, vai in libreria, ordini il libro che ti interessa e in tre o quattro giorni il libraio te lo fa avere”.
Certo, se poi vai in libreria e il libro risulta “fuori catalogo” come nel caso de La Contessa Rossa, la faccenda si complica ulteriormente!
“Chi volesse acquistare una copia de ‘La Contessa Rossa’ può trovarla a colpo sicuro su Amazon”. Ci informa Niky Marcelli. “Oppure rivolgersi direttamente al sito dell’editore Teke o a quello del distributore LIbri&Co. Oppure pregare il commesso della libreria di approfondire la ricerca in rete, non limitandosi al catalogo ufficiale. Ovviamente, spero che questo problema del ‘fuori catalogo’ si risolva in tempi brevi”.