Roma (Lazio) 19 dicembre 2014

IMMIGRAZIONE:QUALE INFORMAZIONE? -2° Rapporto Carta di Roma

Sostegno dall’Unhcr, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati. – 2° Rapporto annuale “Carta di Roma”
Immigrazione: quale informazione?—————-
MEDIA E IMMIGRAZIONE: PIÙ NOTIZIE SUI MIGRANTI, MA POCO APPROFONDIMENTO——————————
Gli immigrati sono attori protagonisti dell’informazione italiana. Lo racconta il rapporto dell’Ocr, “Notizie alla deriva”, realizzato congiuntamente dalle Università di Bologna, Torino e “La Sapienza” di Roma.
***********************************************************************************************************************************************************************************************

É stato presentato alla Camera dei Deputati lo scorso dicembre il II Rapporto Annuale dell’Osservatorio Carta di Roma con i dati sui fenomeni dell’immigrazione in Italia fino al 2013. Un rapporto che, analizzando media e immigrazione, evidenzia si l’aumento delle notizie sui migranti, ma in modo asettico, senza approfondimento; la presentazione ha messo l’accento su diversi temi, quali: parole e razzismo (ricordato episodio su ex ministro all’Integrazione Cécile Kyenge), rappresentazione di migranti e minoranze nei quotidiani, la cronologia sui principali fatti di cronaca, l’immagine dei soggetti e loro divulgazione, la rappresentazione mediatica della tragedia di Lampedusa, dai talk alle notizie di cronaca, oggetto di quasi onnipresente quotidiana trattazione sia dai giornali che in Tv. Nella prefazione del rapporto la Scego fra le tante cose scrive: «Nonostante il panorama fosco intorno a noi, fa ben sperare per il futuro. In dicembre 2011, quando la Carta di Roma è nata, l’orizzonte lavorativo era limitato al controllo, al monitoraggio delle parole avvelenate. Oggi, la Carta è diventata il pilastro su cui costruire la futura nazione italiana, che in molti da troppo tempo attendono. La Carta è una sorta di testa d’ariete da usare per poter vedere un giorno redazioni multietniche dove i punti di vista sapranno mescolarsi e creare una società più equa, di certo più rispettosa. Il nuovo modo di essere italiani ci deve portare a riflettere su noi stessi e sulle parole che usiamo per descrivere la nostra società sempre più meticcia. La Carta di Roma ci sta mostrando solo la via. Sta poi all’informazione e a noi tutti seguirla». La presentazione ha definito le notizie sugli immigrati “alla deriva” perché seguono il flusso della cronaca, spesso senza riuscire a offrire a chi legge, ascolta o guarda, la visione d’insieme. Categoriche le parole del presidente di Carta di Roma, Giovanni Maria Bellu: “non ci serve un giornalismo buono, ma un buon giornalismo, l’unico in grado di offrire la giusta percezione dei fatti”.
***
Carmen Minutoli – – –
italianJournalist