Castelmassa (Veneto) 04 novembre 2016

Il boato fa boom anche sui social, centinaia di commenti in pochi minuti

La psicosi del terremoto amplifica l’attenzione sul grande rumore sentito in buona parte della Toscana. Preoccupazioni e dubbi. E naturalmente c’è chi intravede un complotto

Centinaia di commenti nel giro di pochi minuti. La notizia dei boati avvertiti in gran parte della Toscana, unita alla psicosi terremoto di questi giorni ha prodotto, dopo quello sonoro, un altro boom sui social. Il post della notizia su Facebook è stato immediatamente inondato di commenti da ogni parte della Toscana e da altre regioni.

I lettori hanno confermato, testimoniato, dubitato, supposto. I confermativi si sono limitati a segnalare da dove avevano sentito il boato. C’è chi l’ha sentito fortissimo in spiaggia a Marina dei Massa e pensava fosse un tuono, Rita Ciluffo era a correre sulle colline Vinci e ha pensato a un aereo, Maurizio Patassini a Collodi ha sentito 4-5 boati alle 17,10, “ma non potevano essere tuoni, visto il tempo”. Il boato (o i boati) sono stati sentiti a Prato e all’Amiata, a Massa e a Carrara, a Livorno e perfino a Modena.

“Le colline pisane hanno tremato”, invece a Santa Croce “boato e scossa”. E molti hanno guardato il lampadario, come cartina di tornasole in questi giorni di paura da terremoto E siccome il lampadario non tremava, si sono rassicurati. “A noi è tremato il frigorifero, si sono mosse le pagine del libro – scrive Nicoletta Rosi – ma i lampadari erano fermi”.. “Io ho avuto paura fosse terremoto – conferma Luisa Masini – ma a parte i vetri che vibravano il resto era tutto fermo”.

Gli scettici non si accontentano della spiegazione-aerei. “Tutto è possibile – scrive Carlo Brini – ma un boom sonico che sia udibile a Prato, Pisa e Massa mi sembra più che strano”.

Stessa perplessità di Stefano Del Giudice e Daniele Vierucci: “Un boom sonico che si sente in tutta la Toscana? Questa cosa non mi torna” Tiziana Poli ha sentito il boato e ha pensato a un meteorite. E giustamente Alessandro Gioli si preoccupa e invita alla calma: “Gente, mi sembrate un pochino agitati, fatevi una tisana o pigliatevi un.po’ di valium”.

Ci sono anche gli esperti di aerei. Daniele Parenti certifica: “E’ tutto il pomeriggio che passano caccia sopra la città (Eurofighter o tornado). Sono passati per lo meno 3 volte. Ci sta che abbiano superato i mach1”. E Alessio Pretelli: “Probabilmente erano i Typhoon della base militare di Grosseto. Li ho sentiti passare sopra Empoli, oggi, verso mezzogiorno”.

E come non pensare che anche dietro al “misterioso” boato non si nasconda qualcosa che sfugge alla nostra comprensione, qualcosa che “non ci vogliono fare sapere” (Chi? Il potere? I cattivi? Il diavolo? Mah….).

Così si fa presto a entrare in “modalità complotto”. David Mancini, per esempio, riparte dal nesso aerei-terremoti, ma ha qualche dubbio: “Mi chiedo con ‘sti terremoti continui si mettono a fare i giochini con gli aerei?”. Effettivamente il nesso è un po’ vago e non si capisce quali siano i “giochini”.

Ma Mancini non si scoraggia e va oltre, finendo a planare sul referendum: “Secondo me tutto calcolato a tavolino…. psicosi e il premier che va da quei disgraziati a promettere… si avvicina il 4 dicembre… meditate”. Già, meditiamo.

Fonte: iltirreno.gelocal.it/