Roccella Ionica (Calabria) 25 settembre 2015

I COLORI MEDITERRANEI ESPRESSI DA UN’ARTISTA AL FEMMINILE

Il “SIMPOSIO” svoltosi il 19 settembre presso il prestigioso “HOTEL KENNEDY” nel comune di Roccella Ionica, organizzato dalla scultrice calabrese MARIELLA COSTA, mi ha fatto capire che le donne calabresi sanno organizzare incontri di inestimabile valore culturale, di dare sprint a future organizzazioni ancora più ampliate e allargate ad altri settori …………
Il Simposio è stato animato dalla presenza di molti artisti provenienti da zone meridionalie anche dall’estero, perchè la cultura non vive chiusa in uno spazio recintato ma deve espandersi.
Lo scambio culturale è anche lo scambio di nuove ed interessanti conoscenze……..di ampliamenti del sapere………….
Fra i tanti artisti ho avuto il piacere di conoscere: Rosa Spina.
Rosa Spina è una siciliana trapiantata in Calabria e precisamente nel catanzarese.
Ha insegnato arti pittoriche nel liceo artistico di Catanzaro ed è una pioniera della “FIBER ART” .
Un’arte sperimentata negli anni ’50 negli Stati Uniti ma giunta a noi molto più tardi………………
Rosa Spina amante delle innovazioni, sotto la guida del maestro Mimmo Rotella inizia il suo nuovo percorso pittorico……….perchè la sua vena artistica era già presente nel 1964.
Studia i processi delle fibre tessili nella tessitura, entra nel mondo dell’artigianato, e da ciò nasce la sua arte, “FIBER ART”.
Crea, plasma, compone e fa nascere la sua creatura artistica;.una creatura particolare espressa in colori e fili colorati……
I colori sono vivi, forti , passionali, espressivi, con un tocco di raffinatezza che non trascende ma che illumina e che ispira positività e speranza…….
Dai quadri di Rosa Spina balzano figure impresse in un spazio immenso, quei fili messi con arte, intrecciati con maestria, racchiudono gli spazi ma non li soffocano, danno il senso della libertà, non c’è un limite tra il vecchio e il nuovo ma un compendio di fluttuazione spaziale e temporale.
I colori, a tinte forti, giocano un ruolo primario creando giochi di luce e penombre……
La sperimentazione di Rosa Spina non si limita alla pittura, sulla tela non imprime solo colori e fili ma anche ceramica dipinta e il suo estro cerca nuove vie di rinnovamento. La mente dell’artista è vulcanica, il fermento magmatico bolle al’interno e al momento e al momento opportuno esplode…L’artista Rosa sente la necessità di muoversi in altri spazi.
Si accorge che ama la manualità, si rende conto che la manipolazione è una forma di lavoro “sui generis”, la mente crea, le mani plasmano e in simbiosi danno vita alla fredda materia, le danno forme vive e brillanti di colori, e cosi scopre la ceramica……….
L’estrosità artistica di Rosa Spina è sempre in fermento, le sue opere sono conosciute a largo raggio e la sua partecipazione è presente in varie manifestazioni artistiche………………
Rosa Spina diffonde la sua arte, i colori sulla tela riverberano di luce all’infinito, e il suo stil di donna del sud. si esprime in calde tinte, tipiche della terra meridionale bagnata dall’azzurro ionio figlio del Mediterraneo.