Borghetto Lodigiano (Lombardia) 25 marzo 2017

Fino al 1° aprile all’Incoronata la mostra “Lodi nel ‘600”

Aperta ancora fino al 1° aprile la Mostra storico-didattica “Lodi nel Seicento”, che conclude il progetto musicale-culturale dedicato al compositore Tarquino Merula, a ricordo del suo arrivo come organista al Tempio Civico dell’Incoronata di Lodi nel 1616. L’iniziativa “Tarquino Merula musicista europeo nella Lodi del Seicento”, di cui la mostra è parte, è stata organizzata dall’Accademia Gerunda e dal Comune di Lodi in collaborazione con l’ensemble “Il Demetrio” e con il contributo della Fondazione Cariplo. La mostra, inaugurata sabato 18 marzo con un concerto dei Solisti del Demetrio che hanno presentato alcune delle più belle pagine per archi e organo del Merula, può essere visitata nella Sagrestia del Tempio dell’Incoronata a ingresso libero con i seguenti orari: dal martedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 11.20 e dalle 15.30 alle ore 18.00; sabato e domenica l’apertura pomeridiana è anticipata alle ore 15.00.
La mostra, come spiega la presentazione, è “articolata in dieci pannelli che illustrano con un agile testo e belle immagini la città, il territorio e i protagonisti della vita quotidiana e culturale a cavallo tra il 1500 e il 1600. La mostra mette in luce i tempi, le circostanze e i luoghi che il ventunenne Tarquinio Merula frequentò negli anni in cui, proprio a Lodi, iniziò quel percorso artistico grazie al quale sarebbe diventato uno dei maggiori protagonisti della vita musicale europea del XVII secolo”. La sezione dedicata alla musica in città tra il ‘500 ed il ‘600 è di particolare interesse offrendo al visitatore un excursus sulle figure di primo piano che facevano capo alle Cappelle del Duomo e dell’Incoronata e sugli artisti che frequentavano le varie Accademie cittadine. Non manca l’illustrazione con grande ricchezza di particolari della vita e della carriera musicale del Merula.