Napoli (Campania) 30 settembre 2015

Casoria

Casoria – Unire, non dividere. “ “Il sistema Casillo” non esiste, solo invenzioni di chi non ha argomenti”. Il vice Presidente della Regione Tommaso Casillo, replica alle accuse dell’ex Sindaco Enzo Carfora. Nella sala della biblioteca comunale di via Aldo Moro gremita di cittadini, politici e giornalisti, Casillo ha replicato colpo su colpo alle critiche mosse da Carfora all’esito delle dimissioni di 13 consiglieri comunali che ne hanno decretato la fine anticipata. Casillo proprio non ci sta a passare per uno di quelli che tira colpi mancini o che peggio ancora non mantiene i “patti”. “Nessun traditore. Ma forse molte delle colpe le hanno i cattivi consigliori che hanno circondato Carfora”, ha precisato. “Sfido chi lancia accuse – ha incalzato-, a dire le cose per nomi e cognomi e non a fare gossip. Sono trasparente e tranquillo ”. Un affondo Casillo lo fa anche sul Pd locale ancora diviso in due anime. “La cosa che mi fa più paura è il vuoto politico. Serve un nuovo centrosinistra riformista. Ci vuole qualcuno che unisca queste forze, non che le divida e le umili. Anche se abbiamo storie diverse, siamo uniti nella convinzione che bisogna rilanciare il Pd su basi rinnovate, più forti, serie e credibili. C’è bisogno dei i toni giusti, senza polemiche inutili e guardando alla prospettiva di ricomporre l’unità di questo partito e ricreare il clima sinergico per lavorare insieme. Anche il rinnovamento richiede le virtù dell’esperienza. Dobbiamo lavorare senza alimentare fratture artificiose tra vecchio e nuovo, tra politica e società civile. La classe dirigente si forma su un solo criterio: la qualità delle persone”.
G. B.