Cosenza (Calabria) 19 gennaio 2019

Il Borgo Antico, ha ospitato la “Marcia della Pace” organizzata dall’Azione Cattolica della Diocesi Rossano Cariati

Reportage di Ignazio Russo
************************************************************************
“Vivere la pace è portare tanta verità, tanta chiarezza nel cuore delle persone. Quelle che vivono la pace sono persone che danno buon esempio, ad aprire il cuore ai loro simili. Se noi vogliamo vivere la pace dobbiamo avere il sapore della pace nel cuore, essere persone con un cuore d’amore”. Questo è il messaggio che ha rivolto ai tantissimi ragazzi e giovani presenti nella Concattedrale San Michele Arcangelo di Cariati, l’arcivescovo della diocesi Rossano-Cariati, Mons. Giuseppe Satriano, a conclusione della “Marcia della Pace”, seguita da un momento di preghiera e di riflessione e dai racconti e le testimonianze dei gruppi di Seminatori di Stelle, attivi nelle diverse parrocchie. La marcia si è snodata attraverso i caratteristici vicoli del Borgo antico di Cariati, organizzata dall’Azione Cattolica diocesana, rappresentata dalla prof. Achiropita Calarota e dall’assistente unitario don Gino Esposito, con l’equipe A.C.R. rappresentata dal responsabile diocesano prof. Luigi Madeo e dell’assistente spirituale don George Viju con l’equipe Adulti e Giovani. A questo evento si sono, pure, uniti, su proposta dell’Arcivescovo, gli uffici Missionario e Catechistico per valorizzare i “Seminatori di stelle” con don Enzo Milizia. Questa manifestazione ha visto una massiccia partecipazione delle parrocchie della diocesi: Ss. Immacolata di Corigliano; San Pio X – S. Paolo – Ss. Trinità di Rossano; S.M. Assunta di Longobucco; Sacro Cuore del Destro; S.M. Assunta e S. Giovanni Calybita di Cropalati; S. Clemente di Paludi; Divino Cuore, S. Francesco e S.G. Battista di Mirto; S. Lorenzo Martire di Terranova; S. Pietro e Paolo di Mandatoriccio; S. Pietro in Vincoli di Terravecchia; S.M. Assunta di Campana e Cristo Re di Cariati. Hanno pure aderito all’avvenimento il sindaco di Cariati Filomena Greco e quello di Terravecchia Mauro Santoro.