L'aquila (Abruzzo) 16 luglio 2019

Alla scoperta del Rifugio Montecristo 2.0

Sono tante le novità che caratterizzano il “Rifugio Montecristo 2.0” che ha aperto i battenti da pochi giorni e già ha ricevuto tanti apprezzamenti.

Con la nuova gestione, all’interno del Rifugio è possibile acquistare tanti prodotti tipici locali, anche carne e arrosticini da p oter cucinare in appositi spazi esterni, dotati di bracieri sempre pronti. E’ anche possibile noleggiare biciclette a pedalata assistita. Una struttura ricettiva 365 giorni all’anno, in grado di soddisfare il turismo estivo ed il turismo invernale. Lo staff è composto da Monia Giusti, Riccardo Manzi, Laura Ferrone e Mario Giusti.

Nel piazzale di Montecristo, sono disponibili tre punti di ricarica elettrica per i camper. I locali sono stati completamente ristrutturati sia all’interno che all’esterno: pavimenti in legno, cucine ripristinate, impianti nuovi, un porticato nuovo di zecca all’esterno, e all’interno il camino con di fronte i divani Chester. Il Rifugio Montecristo 2.0 è collegato ad internet e i suoi clienti possono navigare veloce e gratuitamente in Wi-Fi grazie ad air2bite.
Sorto come rifugio per pastori, è stato trasformato in bar-ristorante a struttura bassa e lunga per resistere ai forti venti che imperversano nella zona. Si trova quasi adiacente alle piste da sci ormai in stato di abbandono. A ridosso della struttura c’è un ampio parcheggio. Nel 1967 alla presenza del presidente del Centro Turistico Gran Sasso di allora Ludovico Nardecchia, del vicesindaco Ubaldo Lopardi e del Ministro Lorenzo Natali veniva inaugurata la stazione invernale di Montecristo che per tanto tempo ha dato lustro alle nostre montagne. Dal 2001, gli impianti di risalita sono rimasti inattivi con il conseguente deterioramento dei cavi, delle pulegge e del motore principale. Vi mostriamo alcuni fotogrammi tratti dal documentario: “Ritorno al Passato” (di Febo Grimaldi) – Sciovie di Montecristo, Funivia del Gran Sasso, Sciovie di Campo Imperatore: