Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Fiera Di Primiero (Trento)

www.signoraggio.it - Giovanni Sandi - signoraggio

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Giovanni Sandi, storico gestore del sito di informazione libera http://www.signoraggio.it
**************************************** ****
DOVE SONO LE SOLUZIONI AL PROBLEMA SIGNORAGGIO?
Alla base della Politica vi è l'Economia, mentre alla base dell'Economia vi è il mezzo di scambio che la rende possibile: i Soldi.

Pertanto, come il discutere di Politica prescindendo dall'Economia è estremamente superficiale, analogamente lo è il discorrere di Economia prescindendo dal Sistema

Monetario, ovvero dalle modalità con cui il mezzo di scambio viene generato, emesso e gestito.

A riprova di ciò basti pensare che in Italia si potrebbero fare tante belle cose, ma purtroppo il Bilancio italiano chiude sempre in perdita a causa degli INTERESSI

SUL DEBITO PUBBLICO e, pertanto, la LEGGE FINANZIARIA non può che prevedere nuovi TAGLI, AUMENTI DI TASSE e PRIVATIZZAZIONI... Ed il DEBITO PUBBLICO è dovuto al

SIGNORAGGIO.

Ora la domanda è: Cosa sono i soldi? A chi appartengono sono al momento della loro emissione? E che cos'è il signoraggio?
**************************************** ****
IL SIGNORAGGIO IN PILLOLE:

Il Signoraggio è l'insieme dei redditi che derivano dal detenere la Sovranità Monetaria, ovvero il potere di emettere e gestire i soldi.

La Sovranità Monetaria è oggi detenuta dalle Banche, in particolar modo dalle Banche Centrali.

Le Banche creano i soldi dalle promesse di pagamento che ricevono, a costo zero, e li prestano chiedendo la restituzione del capitale pi√Ļ gli interessi.

Aldilà dei problemi etici e legali che derivano dal fatto che un soggetto (la Collettività) si debba indebitare per ottenere un qualcosa che dovrebbe appartenergli

di diritto, vi è un qualcosa di innegabile: attualmente le banche emettono "TOT" (soldi) ma chiedono indietro "TOT + INTERESSI". Interessi che non sono stati mai

emessi. Il meccanismo genera un circolo vizioso di indebitamento, rarefazione monetaria, aumento della pressione fiscale e conseguente aumento dei prezzi e calo del

benessere.

Il tutto si traduce in 3 espressioni matematiche:
1)CREDITO = CREDITO + INTERESSE (circolo vizioso)
2) Il DEBITO cioè (CREDITO + INTERESSE) è maggiore del CREDITO sempre.
3)NO DEBITO = NO MONEY

L'attuale Sistema Monetario, per via di questo circolo vizioso su cui è basato, obbliga matematicamente qualche soggetto a risultare insolvente nei confronti delle

banche e quindi a vedersi pignorare i beni posti a garanzia in modo sicchè parte del debito possa essere annullato e il circolo vizioso di usura e indebitamento

possa ripartire. Questo meccanismo è alla base dei periodi di "crisi economica" che periodicamente sperimentiamo, come ammette perfino lo stesso Tremonti (attuale

ministro dell'economia)

Nel rapporto fra Governi e Banche Centrali il soggetto forte sono le Banche in quanto possono vantare indipendenza e autoreferenzialità in base al loro Statuto (che

viene modificato a piacere in base alle necessità, Art.3 dello Statuto di Bankitalia docet) e agli accordi internazionali.
Per questo motivo si può metaforicamente affermare che i politici sono i camerieri dei banchieri.

La soluzione al problema potrà realizzarsi solo gradualmente quando gli ambienti accademici smetteranno di presentare il sistema attuale come "migliore o comunque

unico possibile" e cercheranno valide alternative. Questo processo virtuoso può essere innescato solo dal diffondersi di quella consapevolezza che in molti, per

ragioni di interesse, cercano di ostacolare.
**************************************** ****



Per saperne di pi√Ļ,

VIENI A TROVARCI:
http://www.signoraggio.it/

VISITA QUESTO CANALE YOUTUBE:
http://www.youtube.com/SignoraggioNetwork
Oppure cerca "Signoraggio" e "Signoraggio Network" su Internet, su eMule e/o in libreria.