Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Sulmona (L'aquila, Abruzzo) - 17 Dicembre 2011

Sit-In al Tribunale contro la chiusura - 2

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

SULMONA (AQ) - Non bastavano i quasi sei giorni di occupazione del Tribunale di Sulmona. E non bastava neanche la copiosa raccolta firme organizzata dall'Ordine degli Avvocati di Sulmona, che aveva quasi raggiunto quota 8.000, su una popolazione di 25.000 abitanti. Infatti, la Commissione Parlamentare del Governo Monti, impegnata sul fronte della Giustizia, ha approvato in primis la chiusura dei tribunali minori, ovvero quelli non provinciali. E ancora una volta, i tribunali abruzzesi di Avezzano, Vasto e Lanciano, oltre a quello sulmonese, tremano, perchè rischiano seriamente una chiusura, che porterebbe un aggravo dei costi statali per lo spostamento degli uffici giudiziari nei capoluoghi di provincia e anche un'enorme svantaggio per i cittadini, a causa delle enormi distanze da percorrere per arrivare all'Aquila, nel caso del territorio della Valle Peligna. Le istituzioni sulmonesi, tra cui il Comune e la Comunità Montana Peligna, hanno svolto una manifestazione pubblica per far sentire la propria indignazione nei confronti del provvedimento che sta cercando di adottare il Governo. I sindaci della Valle Peligna si sono dati appuntamento oggi, al tribunale sulmonese, per discutere pubblicamente la questione. L'unanimità espressa dalle istituzioni politiche contro la soppressione del Tribunale di Sulmona fa comunque ben sperare per i prossimi sviluppi della vicenda, che già in questi giorni mette in ansia milioni di cittadini peligni. Il prossimo appuntamento, ha detto il Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Sulmona, Gabriele Tedeschi, è per il 27 dicembre al Palazzetto dello Sport, quando ci sarà un ulteriore incontro con la cittadanza sulmonese e peligna e con le istituzioni politiche.