Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Svezia, Estero - 17 Febbraio 2017

Sfondano vetri a martellate per stanare pedofilo barricato

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Agenti svedesi del team SWAT - Special Weapons And Tactics (una squadra anticrimine specializzata in operazioni anti-terrorismo, salvataggio di ostaggi, interventi antisommossa e simili) hanno scavalcato la recinzione e sfondato a martellate le vetrate di una abitazione per assicurare alla giustizia un sospetto pedofilo di 58 anni, recentemente liberato dalla lunga custodia psichiatrica in cui era detenuto dopo il rapimento di un bambino di 5 anni nel 1998 ma che non aveva perso il ‘vizio’ ed era immediatamente tornato a delinquere: l’uomo è infatti l’ultimo membro arrestato di una banda di 7 balordi fortemente sospettata di smerciare in Rete materiale. Le forze speciali svedese sono autorizzate a questo tipo di irruzioni d’emergenza nel caso in cui all’interno dell’abitazione si stia consumando un crimine in flagranza o – come in questo caso – quando si teme che alla loro vista si possano distruggere all’istante le prove del reato. Il computer dell’uomo è stato requisito e gli inquirenti stanno ora investigando se la gang, oltre a diffondere video e foto pornografiche di minorenni, abbia a sua volta abusato sessualmente dei bambini filmati.