Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Casamicciola Terme (Napoli) - 3 Aprile 2009

Scempio A Casamicciola: Sequestro Bis Per Cantiere Erg

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Servizio giornalistico realizzato da Gennaro Savio, Direttore di PCIML-TV, www.pcimltv.blogspot.com. Per contatti: pcimltv@alice.it - gennarosavio@gmail.com.

Continua a riservare colpi di scena la realizzazione del distributore di carburanti Erg proprio accanto all'unico e indispensabile eliporto pubblico dell'isola d'Ischia che serve da anni, in modo particolare, gli elicotteri del Servizio Sanitario del 118. Contro le realizzazione della pompa di benzina Erg sulla costa casamicciolese, da mesi il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista sta conducendo una dura e coraggiosa battaglia politica e sociale a salvaguardia della futura agibilità dell'eliporto Isolano e contro l'assurdo, intollerabile e clamoroso scempio ambientale consumatosi su uno dei lungomari più belli e suggestivi dell'isola d'Ischia.
Per intere settimane, per realizzare il nuovo distributori di carburanti erg, si è letteralmente sbancata la scogliera ed è stato costruito un enorme muraglione di cemento armato che ha violentato e deturpato lo stupendo lungomare. Lo scempio ambientale da noi denunciato ha giustamente fatto gridare allo scandalo. Si, allo scandalo. Perché ci siamo da subito chiesti: ma com'è possibile, in un'Isola dove ai comuni mortali non è consentito nemmeno aprire una finestra nella propria abitazione o allargare una stanza della propria casa, che l'Amministrazione di Casamicciola Terme abbia rilasciato un permesso a costruire con il quale si è consentito la distruzione di parte della costa dove, tra l'altro, il Piano Territoriale Paesistico non consente neppure lo spostamento di uno scoglio? Un'assurdità che ha fatto maggiormente gridare allo scandalo e lasciato tutti di stucco soprattutto in questi giorni quando le ruspe dello Stato sono sbarcate sull'isola Verde per abbattere le prime case di quei cittadini che non sono stati messi in condizione, dallo stesso Stato inadempiente, di potersi costruire la prima abitazione nella legalità. Dopo mesi di polemiche e servizi giornalistici di denuncia realizzati da PCIML-TV, lo scorso 31 gennaio 2009 il cantiere fu sequestrato dalla Polizia di Stato ma all'inizio del mese di marzo, tra lo stupore generale fu dissequestrato.
Oggi pomeriggio venerdì 3 marzo 2009, la vicenda del distributore Erg si è arricchita di un nuovo colpo di scena. Infatti il cantiere dissequestrato nei giorni scorsi è stato nuovamente sequestrato dagli uomini della Guardia di Finanza.
Appresa la notizia del nuovo sequestro, il segretario generale del PCIML Domenico Savio ha dichiarato ai microfoni di PCIML-TV: "Apprendiamo felici la notizia del nuovo sequestro, ora si proceda al ripristino dello stato dei luoghi".