Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Forio (Napoli, Campania) - 17 Marzo 2017

Scandaloso A Forio, Le Lapidi Dei Caduti Abbandonate A Terra

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

SCANDALOSO A FORIO: LE LAPIDI CHE RICORDANO I CADUTI DEL MARE IN GUERRA SONO ABBANDONATE PER TERRA E SPACCATE

Rimosse per effettuare la ristrutturazione della sede A.N.M.I., nonostante i lavori siano terminati da tempo non sono ancora state ricollocate al loro posto e a alcune di esse oltre a risultare spaccate, risultano abbandonate per terra alla portata di mano di tutti…

di Gennaro Savio

Scandaloso a Forio. Da mesi le lapidi che ricordano i caduti del mare in guerra, quasi come se fossero rifiuti da smaltire, giacciono per terra nel parcheggio del porto, tra l’altro alla portata di tutti, e alcune di esse risultano persino spaccate: che vergogna! Rimosse nei mesi scorsi per consentire la ristrutturazione della sede A.N.M.I., nonostante i lavori siano finiti da tempo non sono state ancora rimesse al loro posto: da non credere! Lo stato di abbandono in cui versano le lapidi che ricordano i martiri delle guerre, rappresenta una vera e propria umiliazione della memoria storica di Forio e di chi è morto per difendere il nostro Paese. Si tratta di una situazione vergognosa denunciata con forza in Consiglio comunale da Domenico Savio. “Avete buttato nel fango – ha tuonano nel Civico consesso Domenico Savio – le vestigia, i marmi di coloro che hanno servito la Patria. Stanno buttate a terra, spaccate pura alcune, nel piazzale ANMI. Potevate avere l’accortezza di conservarli bene. Questo affronto alla memoria storica del nostro Paese e dei nostri concittadini morti in guerra nessun cittadino foriano se lo sarebbe aspettato. Intervenite subito- ha concluso Savio -, riparate quelle lapidi e collocatele dove sono sempre state”.