Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Lacco Ameno (Napoli, Campania) - 14 Marzo 2017

Savio: Palo A Rischio Crollo E Cavi Pensolanti Si Intervenga

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

GENNARO SAVIO DENUNCIA LA PRESENZA DI UN PALO DELLA TELEFONIA A RISCHIO CROLLO E DI CAVI PENZOLANTI IN VIA MEZZAVIA TRA LACCO AMENO E FORIO: “COSA SI ASPETTA AD INTERVENIRE?”

di Gennaro Savio

In via Mezzavia, sull’isola d’Ischia, strada che sul lato destro insiste nel Comune di Lacco Ameno e a sinistra nel territorio di Forio, preoccupa e non poco la fatiscenza in cui versano i pali della telefonia con i cavi che penzolano per decine di metri e che danno l’impressione di poter crollare all’improvviso. Uno di questi pali presenta la base letteralmente spaccata, ormai quasi del tutto inesistente, ed è solo un caso se ancora non sia crollato. Nel mentre effettuavamo le riprese, la cosa che abbiamo subito notato, è la presenza di un palo integro posizionato proprio accanto a quello a rischio crollo ma che non è stato mai utilizzato nonostante sia stato collocato qui oltre un anno fa. Quello che ora ci chiediamo è questo: ma com’è possibile tollerare la presenza di cavi penzolanti e di un palo a potenziale rischio crollo? Cosa si aspetta ad intervenire con solerzia per sostituire il palo fatiscente e a sistemare come si deve i cavi volanti? Aspettiamo prima che qualcosa crolli giù con tutte le gravi conseguenze che ne potrebbero derivare? Ma stimo scherzando? Al sindaco di Forio Francesco Del Deo e a quello di Lacco Ameno Giacomo Pascale chiediamo di interessarsi immediatamente alla situazione che stiamo denunciando con questo servizio giornalistico affinché chi di dovere intervenga a mettere in sicurezza pali e cavi penzolanti. Un ultimo appunto. Questa strada, come si suole dire, sembra essere stata letteralmente abbandonata dagli uomini e da Dio visto il dissesto stradale che la caratterizza e la sporcizia e le erbacce che non vengono rimosse. Cosa aspetta la pubblica amministrazione a farlo?