Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Forio (Napoli, Campania) - 30 Novembre 2016

Savio Attacca Del Deo: Mettano In Sicurezza Palazzine Iacp

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

CLAMOROSO A FORIO: IL SINDACO FRANCESCO DEL DEO ANZICHE’ PREOCCUPARSI DELLA SICUREZZA DEI CITTADINI CHE VIVONO NELLE PALAZZINE FATISCENTI DEL RIONE UMBERTO I, SI PREOCCUPA CHE L’INTERESSAMENTO DI DOMENICO SAVIO SU COTANTO SQUALLORE SOCIALE POSSA PORTARE ALL’ALLONTANAMENTO DELLE FAMIGLIE DALLE PROPRIE ABITAZIONI

di Gennaro Savio

Nelle settimane scorse con un dettagliato servizio giornalistico abbiamo dato voce alla vibrata protesta del Consigliere comunale di opposizione a Forio Domenico Savio che denunciava con forza lo stato di fatiscenza, di pericolo e di abbandono in cui versano le palazzine IACP del Rione Umberto I. Il Consigliere del PCIML in quella circostanza chiese all’amministrazione comunale un intervento immediato affinché l’Istituto Autonomo Case Popolari intervenisse ad horas per mettere in essere gli interventi di ordinaria e di straordinaria manutenzione necessari alla messa in sicurezza delle palazzine. Ebbene, anziché portare l’argomento in Consiglio comunale e pretendere l’immediato intervento dell’IACP, incredibile a dirsi, il sindaco Francesco Del Deo ha rilasciato un’intervista a Teleischia lasciando chiaramente intendere che l’interessamento di Domenico Savio su cotanto squallore sociale potrebbe portare all’allontanamento delle famiglie dalle proprie abitazioni. “Potrebbero andare fuori dalla casa. Quando il consigliere Savio insiste tanto sulle case popolari – ha tra l’altro dichiarato Francesco Del Deo -, si rischia veramente su queste sollecitazioni del consigliere Domenico Savio, alla fine le case popolari cominciano ad entrare dentro, cominciano magari a vedere che c’è uno stato che loro ritengono da un qualsiasi punto di vista, dal punto di vista igienico-sanitario non compatibile, secondo me so compatibili perché io spesso ci sono andato. Però loro magari non hanno soldi a disposizione per poter fare un restyling per questi appartamenti per cui potrebbero cominciare a prendere delle decisioni che poi dunque potrebbero essere molto gravi per gli inquilini che ci sono dentro”. Rispetto alle dichiarazioni di Francesco Del Deo, durissima è stata la reazione di Domenico Savio. “Ma voi avete capito – ha dichiarato Domenico Savio - il Sindaco anziché preoccuparsi della salute, della sicurezza e della vivibilità dei cittadini del Rione Umberto I, sostiene, pressappoco, che l’interessamento del Consigliere Domenico Savio ai problemi delle palazzine dell’istituto autonomo case popolari del rione Umberto I potrebbe portare all’allontanamento di famiglie dalle proprie abitazioni, semmai per questioni igienico-sanitarie: assurdo”. Il Consigliere comunale del PCIM-L ha anche messo in guardia Del Deo dalle responsabilità che potrebbero esserci per le istituzioni inadempienti se prima o poi disgraziatamente dovesse accadere qualcosa a causa della fatiscenza delle palazzine. “E a proposito dell’intervista rilasciata a Teleischia da Francesco Del Deo – ha sottolineato Domenico Savio - io questa sera proprio qui, dall’interno del Rione Umberto I, voglio ricordare al Sindaco che adesso lui stesso conosce i problemi e dunque ha una grande responsabilità e deve avere la sensibilità morale, politica, civile e sociale di intervenire subito e concretamente per eliminare ogni possibile situazione di pericolo e mettere in sicurezza la vita degli abitanti di questo Rione. Una messa in sicurezza che deve avvenire con un intervento urgente dell’Istituto e in mancanza con un intervento immediato dell’Amministrazione comunale effettuato in danno dell’ente proprietario. E qualora l’Istituto non dovesse intervenire e neppure il Comune il Sindaco, nella sua qualità di capo dell’Amministrazione comunale – ha concluso Domenico Savio -, si assumerebbe una grossa responsabilità, specialmente se, malauguratamente, dovesse accadere qualcosa a qualcuno. In tal caso i responsabili sarebbero chiamati a risponderne in prima persona”.