Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Roma (Lazio) - 16 Ottobre 2016

Roma, agenti salvano uomo da tentativo di suicidio

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Agenti della Polizia di Stato hanno salvato un uomo che ha tentato il suicidio scavalcando il parapetto del ponte Vittorio Emanuele II sul Lungotevere, proprio di fronte alla Basilica di San Pietro a Roma.

A raccontare l'episodio, accaduto alcuni giorni fa, è l'agente Lisa, il poliziotto virtuale attivo sul web, sul suo profilo Facebook. Agente Lisa racconta, anche attraverso un video, il drammatico tentativo di suicidio di un papà disperato e il salvataggio di alcuni agenti in servizio di pattugliamento. L'uomo "aveva deciso di farla finita perché non riusciva più a vedere il figlio per colpa, a suo dire, della madre e moglie da cui si era separato. In mano aveva un foglio con scritte le sue accuse rivolte ad una setta, responsabile secondo lui di influenzare le decisioni della ex moglie". Nel video postato sul profilo Fb di agente Lisa si vede che i tentativi degli agenti di calmare l'uomo non hanno sortito effetto: "l'uomo era sempre più agitato - si legge ancora - e allora un collega è scattato e lo ha afferrato per trascinarlo in salvo ma a quel punto lui si è buttato giù ed è stato necessario lo sforzo di tutti gli altri colleghi per evitare che i due uomini avvinghiati precipitassero giù nel fiume rischiando di morire". Uno dei poliziotti ha scavalcato il parapetto per afferrarne uno mentre gli altri cercavano in qualche modo di non lasciarli precipitare aggrappandosi ad un braccio, ad una cinta, insomma a qualsiasi cosa offra appiglio. "Sono stati attimi di grande tensione e di adrenalina a mille - ricorda l'agente Lisa - fino a che i colleghi sono riusciti a tirarli fuori dal parapetto e il turno è finito con una visita psichiatrica per l'aspirante suicida e una scappata al pronto soccorso per i colleghi che sono usciti da questo intervento con qualche contusione non prevista".