Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Trieste (Friuli-venezia Giulia) - 18 Marzo 2017

Presidio del Movimento Trieste Libera al confine del TLT

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

di sfumich
Domani, domenica 19 marzo, il Movimento Trieste Libera organizza una nuova manifestazione sul confine di Stato fra il Territorio Libero di Trieste e la Repubblica Italiana. Come il Movimento ricorda in un comunicato, quest'anno, il 2017, rappresenta il settantesimo anno dalla ratifica del Trattato di Pace, firmato dall'Italia il 10 febbraio 1947 ed entrato in vigore il 15 settembre dello stesso anno. Il Trattato di Pace del 1947 ha costituito di diritto il Territorio Libero di Trieste.
Il primo governo provvisorio anglo-americano aveva regolarmente segnalato il confine del Territorio Libero con l'Italia. Dal 1954, dell'amministrazione provvisoria della Zona A del Territorio Libero è stata incaricato il governo italiano, il quale - dice il Movimento Trieste Libera - "ha invece 'dimenticato' di mantenere i cartelli di confine, sperando che i triestini se ne dimentichino".
Nel corso della giornata di domani, dalle ore 10 alle 19, Trieste Libera esporrà a San Giovanni di Duino - Štivan / Medeazza - Medja vas, come già è stato fatto in precedenti analoghe manifestazioni, i facsimile dei nuovi cartelli di confine, "perché sia chiarito che l’attuale TLT è e rimane uno Stato sovrano dal 1947".