Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Vetralla (Viterbo, Lazio) - 13 Aprile 2011

Norchia. Zona Archeologica (vetralla, Viterbo, Italy)

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

NORCHIA, ZONA ARCHEOLOGICA / ARCHAEOLOGICAL ZONE, Vetralla, provincia di Viterbo, Lazio, Italia. Norchia è un sito archeologico etrusco nei pressi di Vetralla. Secondo alcuni potrebbe trattarsi dell'antica Orclae il cui nome viene riportato da fonti altomedievali: il nome etrusco e romano non ci è pervenuto. Posta lungo la via Clodia gravitava nell'orbita della vicina e più potente Tarquinia. La zona fu già abitata all'età del Bronzo e con l'arrivo degli Etruschi sorsero l'abitato e la vicina necropoli. L'insediamento urbano raggiunse il suo apice tra il IV ed il II secolo a.C. e sorgeva su uno stretto pianoro posto alla confluenza dei torrenti Pile e Acqualta nel Biedano, dove oggi sono visibili i suggestivi resti della medievale Pieve di San Pietro e del castello. La principale tipologia delle tombe è a dado, o a Semidado: le tombe dunque sono composte da un grande blocco di tufo squadrato superiormente (il cosiddetto dado) al quale si accedeva da due scale laterali scavate nella roccia e da una zona porticata inferiore con un piccolo tetto sorretto da alcune colonne, o da pilastri in tufo; più in basso si trova la camera sepolcrale a cui si accedeva tramite il dromos, ossia un corridoio gradinato. L'architettura di queste tombe rupestri è tipica del IV secolo a.C.

Più visti della settimanaTutti