Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Milano (Lombardia) - 20 Aprile 2010

Museo Di Storia Naturale & Planetario

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Museo Civico di Storia Naturale, Planetario e giardini pubblici di via Palestro, Milano, Lombardia, Italia. Il museo nacque per volontà del naturalista e collezionista Giuseppe De Cristoforis (1803-1837), che lasciò in eredità le sue imponenti raccolte alla città di Milano con il vincolo di fondare un museo la cui direzione fosse affidata al suo amico Giorgio Jan (1791-1866). Costui a sua volta lasciò in eredità al museo le sue altrettanto importanti collezioni naturalistiche. Dopo qualche traversia legata al bisogno di ospitare l'ingente e crescente mole di materiale, l'attuale sede fu infine costruita appositamente tra il 1888 ed il 1893 in stile neoromanico ed accenni di neogotico negli elementi superiori su progetto di Giovanni Ceruti nei giardini pubblici di Milano, zona di Corso Venezia. Purtroppo il museo fu quasi totalmente distrutto da un bombardamento nel 1943 con la perdita di circa metà dei materiali delle esposizioni. Fu ricostruito dopo la guerra e riaprì al pubblico nel 1952. Il Planetario di Milano fu inaugurato il 20 maggio 1930. L'edificio venne progettato dall'architetto Piero Portaluppi su commissione dell'editore svizzero Ulrico Hoepli, che ne fece dono alla città. Ha pianta ottagonale e le dimensioni della sala (19,6 metri di diametro, per una capienza di 300 posti) lo rendono il più grande in Italia e uno dei principali nel mondo. La struttura svolge un'intensa attività divulgativa e didattica riguardante l'astronomia e le scienze a essa collegate, ospitando ogni anno circa 100.000 visitatori, tra scuole e pubblico generale. Lo strumento planetario attualmente in uso, uno Zeiss modello IV, è stato installato nel 1968. Il Planetario dispone di una biblioteca che costituisce una sezione di quella del Museo di Storia Naturale. Alla base della cupola è presente inoltre un profilo della città di Milano, così come era nel 1930: è visibile per esempio il Duomo ma non il Grattacielo Pirelli. Negli attigui giardini pubblici aveva invece sede il vecchio zoo di Milano.