Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
L'aquila (Abruzzo) - 8 Maggio 2017

La Catena Del Gran Sasso E "la Dormente"...

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Versi di Antonio Cimoroni - Musica di Camillo Berardi -

La catena del Gran Sasso osservata dalla costa della marina abruzzese si configura nel gigantesco e affascinante profilo di una leggiadra fanciulla distesa supina, con il seno turgido, la chioma fluente e il viso dai delicati e dolci lineamenti.


Il formidabile profilo donnesco stagliato verso il cielo domina superbamente una grande porzione della nostra regione, tant’è che il Distretto Rurale “TERRE VESTINE – dalle Saline al Gran Sasso” - formato dai territori dei comuni di Arsita, Bisenti, Castiglione Messer Raimondo, Castilenti, Città Sant’Angelo, Civitella Casanova, Collecorvino, Elice, Farindola, Loreto Aprutino, Montebello di Bertona, Moscufo, Penne, Pianella, Picciano, Montefino e Villa Celiera, ha adottato come proprio logo “La Dormiente cullata dalle acque del mare”, utilizzando gli stessi colori che figurano nello stemma della regione Abruzzo: il bianco, il verde e l’azzurro.

L’immane figura femminile - definita “La Bella Addormentata” o “La Dormiente”, nella fantasia popolare abruzzese, rappresenta Cibele, Maia, Venere, e qualsiasi altra splendida ninfa - ha ispirato liriche e leggende che affondano le radici nella mitologia e nell’ancestrale personificazione delle montagne.


Il suggestivo e magico spettacolo della “Bella Addormentata”, con i colori continuamente cangianti dall’alba al tramonto, e con il variare delle stagioni, ha fatto nascere il canto aquilano “La Dormente” con versi di Antonio Cimoroni, musica di Camillo Berardi il montaggio del video è di Antonio Giampaoli.
1^ STROFA

All’alba quandu vedde la Dormente
fermette ju passu subbitu a ll’istante.
‘Na mani ‘nfronte pianu m’appujette
guardennome ‘ncandatu rocce e vette.
‘Sta bbella addormentata deju monte
reposta aju Gran Sassu loc’ammonte
l’ha cuncipita a grazzia Dio potente
gigante e mmaestosa pe’ lla gente.

1° RITORNELLO

Tra ju silenziu ‘nturnu e l’aria pura
è come j’apparesse ‘na figura,
sarrà la Santa Vergine bbeata
a falla remani’ ‘mpietrificata.

2^ STROFA

Da lla montagna spanne rentruciate
bbellezze che d’invernu so’ ‘nnevate.
Pe’ fa’ coraggiu a ju scalatore
da loco sopra ‘nvoca ju Signore.
La chioma sottu ventu spettenata
reluce ‘nfaccia a sole sfilacciata.
A ll’ombra quandu ju celu s’è ‘mbrunitu
j’aspettu a chi la guarda è cchiù scapitu.

2° RITORNELLO

Lontanu te’ ju sguardu vôtu ‘ncima
a reconta’ le stelle pe’ ju celu,
attecchia ‘nu richiamu ‘e lla Majella
compagna d’avventura j’è sorella.

FINALE

Vurria guardatte ancora ‘n’atra ‘ote
doma’ mmatina prestu a lla stess’ora.
Co’ ‘ss’occhi chiusi tu relassata stai
bbella ccusci’ non te so’ vista mai!