Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Sant'ambrogio Di Torino (Torino) - 25 Gennaio 2018

Incendio Sacra di San Michele, il giorno dopo. La situazione

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Nelle immagini l'incendio di ieri sera divampato alla “Sacra San Michele” è precisamente sul tetto. Al Momento sono sconosciute le cause. Sul punto in cui è scoppiato il rogo c'erano dei lavori in corso di restauro. Sul posto i carabinieri di Avigliana, e le squadre dei vigili del fuoco di torino, squadra di Grugliasco permanente, volontari Giaveno, Avigliana, Rivalta e Borgone di susa.

Dai primi accertamenti, la causa dell'incendio potrebbe essere da corto circuito. Le fiamme sono state domate dai vigili del fuoco. Al momenti i 3 tre Padri rosminiani sono stati allontanati in via precauzionale. Le maggiori difficolta che hanno trovando i vigili del fuoco nello spegnimento del tetto del convento è portare l'acqua al punto più vicino essendo molto stretta la strada per i mezzi di soccorso.

LA SACRA DI SAN MICHELE -
La Sacra di San Michele (Arcangelo), come è comunemente chiamata l'Abbazia di San Michele della Chiusa, è un complesso architettonico arroccato sulla vetta del monte Pirchiriano, all'imbocco della val di Susa, nella Città metropolitana di Torino, in Piemonte. Situato nel territorio del comune di Sant'Ambrogio di Torino, poco sopra la borgata San Pietro, appartiene alla diocesi di Susa. È il monumento simbolo del Piemonte, e una delle più eminenti architetture religiose di questo territorio alpino, transito per i pellegrini tra Italia e Francia. Ristrutturato, è stato affidato alla cura dei padri rosminiani. Nel 2016 il museo del complesso monumentale abbaziale è stato visitato da oltre 100.000 persone.

Parte di questa video-storia