Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Porto Torres (Sassari, Sardegna) - 19 Ottobre 2008

Il video del blitz di Greenpeace a Porto Torres

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Il servizio del tg regionale sul blitz degli attivisti di Greenpeace che sono riusciti a bloccare il nastro trasportatore della centrale a carbone di Porto Torres in Sardegna, provincia di Sassari.
Ecco il testo dal sito ufficiale:

International ? Continua il tour dell'Arctic Sunrise contro il carbone. Seconda tappa. Altra centrale. Questa mattina, infatti, gli attivisti di Greenpeace hanno bloccato il nastro trasportatore della centrale di Fiume Santo in Sardegna, oggi proprietà di E.ON. La protesta è contro i piani di espansione del carbone della Regione Sardegna. Perché la vera alternativa è rilanciare l'eolico nell'isola, creando così oltre 7.000 nuovi posti di lavoro entro il 2020.

Il "Quit Coal Tour" - cominciato giovedì scorso con un'azione alla centrale di Civitavecchia - punta a diffondere in Europa il messaggio di una rivoluzione energetica pulita in vista della Conferenza sui Cambiamenti Climatici dell'ONU del prossimo dicembre. Fonti rinnovabili ed efficienza energetica sono fondamentali per ridurre le emissioni di CO2 e creare nuove opportunità di lavoro.

La Regione Sardegna deve rivedere la proposta del suo piano energetico e togliere ogni limite all'eolico. Questa fonte può dare occupazione sicura e pulita in Sardegna.
L'ostilità di Soru all'eolico blocca 7.000 posti di lavoro per far spazio al carbone.
La Sardegna è una regione strategica per lo sviluppo dell'eolico in Italia. Nel 2007 la potenza eolica complessiva sull'Isola ha raggiunto i 367 MW, nulla a confronto dei 217 MW e dei 133 MW installati rispettivamente in Puglia e in Sicilia nel solo 2007. A causa del veto del presidente Soru, sono ancora molti i progetti bloccati e permane il limite a 550 MW, con vincolo alle sole aree industriali.

Secondo il rapporto presentato recentemente da ANEV, la Sardegna potrebbe invece installare - nel pieno rispetto del paesaggio e dell'ambiente - circa 1750 MW al 2020, dando occupazione a oltre 7.000 persone, producendo circa 3 miliardi di kilowattora (il 25% del consumo interno della regione). Prodotta con il carbone, questa energia emetterebbe oltre 2 milioni di tonnellate di CO2 all'anno.

Oggi il 50% dell'eletticità in Sardegna arriva dal carbone. Greenpeace chiede di incontrare i dirigenti di E.ON Italia, per capire se il gruppo è disponibile a promuovere in Sardegna lo sviluppo dell'eolico, o continuare a puntare sulla fonte fossile con le più alte emissioni di CO2.

Più visti della settimanaTutti