Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Spello (Perugia, Umbria) - 19 Maggio 2017

Il Presidente Mattarella visita la Villa Romana Sant'Anna

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Il Presidente Mattarella visita la Villa Romana di Sant'Anna - Spello

Villa romana di Sant’Anna: presentazione alla cittadinanza del progetto per la valorizzazione dell’area archeologica
Oltre due milione di euro per valorizzare la villa romana di Sant'Anna. Il progetto sarà presentato alla cittadinanza mercoledì sera alle 21 nella sala dell'Editto del Comune di Spello alla presenza dell'assessore regionale alla cultura Fabrizio Bracco, il sindaco Sandro Vitali e Maria Laura Manca della Soprintendenza dei beni archeologici dell'Umbria. Nella stessa serata sarà presentata anche la prima pubblicazione sulla villa e i mosaici a cura delle archeologhe Paola Bonacci e Sabina Guiducci.
I progetti sono stati redatti dall'architetto Gabriele Del Piccolo per quanto riguarda il recupero dell'ex spogliatoio e dall'architetto Alfio Barabini in merito al progetto di riqualificazione dell'intera area di Sant'Anna, della musealizzazione della domus e della sua copertura che sarà perfettamente inserita nel contesto storico e paesaggistico dell'intera area. I progetti finanziati dalla Regione Umbria con fondi comunitari e coofinanziati dal Comune per il 20%, sono conseguenti alla programmazione avviata all'indomani della scoperta da parte del Comune, dalla Sovrintendenza e soprattutto dalla Regione dell'Umbria che attraverso la dirigente Paola Gonnellini, ha creduto nell'importante scoperta ed alla sua valorizzazione, inserendo il progetto nella programmazione regionale dei fondi comunitari e individuando la Villa romana di Spello come polo attrattore del patrimonio archeologico della vecchia Flaminia.
I lavori di scavo e restauro sono stati curati da Maria Rosaria Salvatore e Laura Manca della sovrintendenza ai beni archeologici dell'Umbria e dalle archeologhe Sabina Guiducci e Paola Bonacci.
Ad oggi sono stati restaurati 350 metri quadrati di pavimenti musivi di grande pregio e fortemente apprezzati dalle migliaia di visitatori che in questi anni hanno visitato il sito attraverso il metodo del "cantiere aperto". Con questo importante intervento, che sarà appaltato nei prossimi mesi, si completa il primo stralcio che consentirà di mettere in sicurezza i mosaici, musealizzare il sito e destinare ampi spazi al punto turistico informativo di Spello.
Lo studio preliminare consentirà in un prossimo futuro di destinare l'intero comparto di Sant'Anna ad area attrezzata ed archeologica con l'apertura di un collegamento attraverso Porta Chiusa, già progettato e presentato alla Regione, che permetterà di raggiungere attraverso la rete di vicoli di San Sisto, la chiesa di Santa Maria Maggiore e la Cappella Balgioni.
"Sono soddisfatto del risultato raggiunto - spiega il sindaco Sandro Vitali - in quanto lavorando in sincronia con Regione e Ministero si ottengono importanti traguardi. Questo obiettivo è una ulteriore testimonianza di quanto impegno l'amministrazione da me guidata ha profuso nel recupero e valorizzazione dell'immenso patrimonio artistico e culturale del nostro territorio. Un ringraziamento va anche al senatore Maurizio Ronconi che ha contribuito a destinare un primo finanziamento per l'inizio del restauro dei mosaici".