Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Castelnuovo Del Garda (Verona)

I maestri di sci dell'AMSI a Gardaland provano Raptor

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Sabato scorso Gardaland ha ospitato una folta schiera di maestri di sci appartenenti all'AMSI, l'Associazione Maestri di Sci Italiani, giunti a Gardaland con le giovani promesse dello sci nazionale in occasione della premiazione della 34ma edizione del Gran Premio Giovanissimi. Si tratta della principale competizione agonistica nazionale dedicata agli atleti tra gli 8 e gli 11 anni, disputatasi nei mesi scorsi in alcune località sciistiche del nostro Paese.

I Maestri di sci dell'AMSI, non hanno resistito a testare in prima persona l'emozione del "volo da brivido" di Raptor, le uniche Montagne Russe Alate d'Italia. Sfidando la calda giornata di primavera, 28 Maestri di Sci hanno indossato l'inconfondibile tuta azzurra della Nazionale provando l'ebbrezza di sfiorare all'ultimo istante una serie di ostacoli lungo tutto il percorso di Raptor ma anche l'adrenalina dei 3 "capovolgimenti a testa in giù", della caduta da 33 metri di altezza con un'inclinazione di 65° e della velocità di punta al limite dei 90 km/h.



Abituati a sfrecciare a tutta velocità sulle piste lungo sinuose discese innevate o piste nere mozzafiato, tra slalom giganti e speciali fino alla gare di discesa libera, alcuni addirittura abilissimi con lo snowboard e nello sci acrobatico, i Maestri di Sci di AMSI hanno davvero ritrovato, nel volo su "Raptor", delle similitudini con il loro sport. Un'esperienza davvero elettrizzante catturata da alcuni commenti dei Maestri di Sci dopo la discesa su Raptor: "Un'emozione esagerata come quando si fa free style", "E' come eseguire un backflip 5 volte più veloce!", "La salita alla partenza mi ha ricordato il cancelletto di una gara: una volta scesa non vedevo l'ora di arrivare al traguardo" ha commentato qualcun altro. "Il passaggio attraverso l'albero spezzato mi ha ricordato le discese in neve fresca attraverso i boschi mentre le goccioline d'acqua sono come gli spruzzi della neve compatta durante il fuori pista estremo", "gli ostacoli sfiorati su Raptor sono come i paletti rasentati alla stessa velocità nelle gare di Slalom Gigante...".



Ad applaudire i temerari Maestri di Sci c'erano, oltre al loro Presidente Cav De Gaudenz, i piccoli partecipanti del Gran Premio Giovanissimi giunti da tutte le Regioni d'Italia per chiudere in festa l'edizione 2011 di questa importante competizione agonistica.

Più visti della settimanaTutti