Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Ischia (Napoli, Campania) - 12 Giugno 2012

Ischia, Caremar Allo Sfascio: Che Vergogna!!!

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

PREZZI DEI BIGLIETTI IN AUMENTO, ALISCAFI GUASTI, CORSE SALTATE: LA CAREMAR E'ALLO SFASCIO PER LA GIOIA DELL'ARMAMENTO PRIVATO

di Gennaro Savio

La Caremar, la compagnia di navigazione pubblica del Golfo di Napoli, sta morendo tra l'assurda e intollerabile indifferenza delle Istituzioni del nostro Paese. Aliscafi guasti e corse saltate stanno di fatto calpestando il diritto alla mobilità dei cittadini dell'isola d'Ischia e delle altre Isole del Golfo. In questi giorni sono finiti ko due mezzi veloci in dotazione all'armamento pubblico. E intanto sull'isola d'Ischia fa discutere la decisione dell'Assessorato regionale ai Trasporti di anticipare l'orario della corsa dell'aliscafo da Ischia per Napoli con sosta a Procida che da oggi in poi anziché partire alle 6.45 partirà alle ore 6.20. Ma quello che preoccupa in questi giorni è anche il paventato stop di alcune navi che potrebbero finire in cantiere per interventi di ordinaria manutenzione.
Con l'eventuale stop anche di una sola nave, tra l'altro in piena stagione turistica, la Caremar sarebbe praticamente alla frutta con una flotta utilizzabile ridotta al lumicino. I dipendenti della società pubblica sono preoccupati per le sorti della Caremar alle cui dipendenze lavorano ormai da decenni e allo stesso tempo sono rammaricati per la lenta e inesorabile agonia che la vede triste protagonista.
Prezzo del biglietto in aumento, aliscafi guasti e corse saltate. Siamo praticamente dinanzi al disastro Caremar. Così sta tristemente morendo la Caremar, una morte annunciata che favorirà inesorabilmente gli interessi dei potenti armatori privati del Golfo di Napoli a discapito del diritto alla mobilità delle popolazioni isolane: che vergogna!!!