Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Gioia Tauro (Reggio Calabria) - 5 Ottobre 2017

Gioia Tauro, le mani della 'ndrangheta sui rifiuti

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Sette persone sono state posto in stato di fermo a Gioa Tauro per reati connessi al ciclo dei rifiuti. I sette sono ritenuti affiliati alla 'ndrina della 'ndrangheta Piromalli e avrebbero condizionato la costruzione e la gestione dell'unico termovalorizzatore presente in Calabria, ubicato a Gioia Tauro, oltre che la gestione del depuratore sito in Contrada Lamia di Gioia Tauro. Il sodalizio criminale imponeva inoltre alle aziende del settore il pagamento della cosiddetta "tassa ambientale" che veniva detratta dai calcoli delle fatture gonfiate ad hoc. Tra i fermati ci sono anche l´ex sindaco di Villa San Giovanni (RC), alcuni imprenditori e un legale.

Parte di questa video-storia