Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Forio (Napoli, Campania) - 4 Luglio 2017

Forio, Protesta Contro il Ripetitore Tim

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

VENERDI’ ALLE ORE 18.30 A FORIO MANIFESTAZIONE DI PROTESTA PER CHIEDERE L’IMMEDIATA RIMOZIONE DEL RIPETITORE TIM DAL CASALE

di Gennaro Savio

A Forio non si placano le proteste dei residenti per l’improvvisa installazione di un ripetitore TIM nella zona del Casale. Tra sit-in e proteste al Municipio, è ormai mobilitazione permanente dei cittadini che chiedono a gran voce l’immediata rimozione dell’antenna. E per venerdì prossimo 7 luglio 2017 è stata indetta dal PCI-ML una manifestazione di protesta il cui corteo si snoderà per le strade principali del paese. L’appuntamento è per le ore 18.30 alla Chiaia, nei pressi del distributore di benzina da dove alle ore 19.00 partirà il corteo che attraverserà le seguenti strade: strada Provinciale Panza, via Schioppa, via Giovanni Castellaccio, via Giovannangelo Patalano, via Gennaro Savio sino a Monterone, via Giovanni Castellaccio, via Matteo Verde, via Erasmo Di Lustro, piazza Medaglia d’Oro, via Filippo Di Lustro sino a giungere al piazzale Cristoforo Colombo dove si terrà il comizio conclusivo della manifestazione. Si tratta di una manifestazione molto importante a cui sono invitati a partecipare tutti i cittadini di Forio perché così come in questi giorni è accaduto al Casale, domani lo stesso problema potrebbe venirsi creare altrove. Cari cittadini, difendere la salute dei residenti del Casale vuol dire difendere il diritto alla salute di tutti i foriani ecco perché bisogna scendere in piazza uniti e compatti. Intanto si resta in attesa che l’Amministrazione guidata da Francesco Del Deo accolga celermente la proposta del Consigliere comunale del PCI-ML Domenico Savio di notificare ai responsabili dell’impianto un’ordinanza di rimozione ad horas dell’antenna in quanto mancante della necessaria autorizzazione e perché al contrario di come impone il regolamento comunale è stata posizionata a meno di duecento metri di distanza da una struttura sportiva quale il palazzetto dello sport.