Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Roma (Lazio) - 25 Novembre 2016

Ester Campese e le donne di Campey

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

l’artista Ester Campese in arte Campey che graziosamente ci ha ospitato nella sua bella casa. Abbiamo voluto così con questa intervista tracciale il profilo di questa artista che ormai viene definita l’artista delle donne. Una personalità complessa, libera ed ironica si scorge oltre lo sguardo serio ma anche un po’ canzonatorio di questa pittrice dai mille risvolti.

Ci ha raccontato come mai ha voluto scegliere come nome d’arte proprio Campey partendo da una assonanza del cognome e dal brindisi giapponese come per simboleggiare un augurio che la stessa Ester rivolge a chi osserva i suoi quadri.

Definita artista internazionale ci ha spiegato come da subito, dalle sue prime mostre si sia trovata catapultata in scenari internazionali dove i vari direttori artistici l’hanno invitata e voluta.

Ester Campese sta preparando la sua mostra personale che cuira da un anno e che si inaugurerà ai primi di dicembre in cui esporrà 14 opere di cui sette sono state scelte direttamente dal Prof Vittorio Sgarbi, e già esposte in occasione della mostra a Spoleto nell’ambito della manifestazione del Festival dei due mondi. Questa personale ripercorre il modo di essere donna nel tempo e nei momenti più o meno intimi delle stesse attraverso le mille sfaccettature che rappresentano la figura femminile.

©webtvstudios