Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Perugia, Umbria - 28 Dicembre 2011

Ed alla fine son 300.... video parte 2

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Ed alla fine son 300....


Ed alla fine son 300, si le mie prime 300 ore di volo.

Certo non sono un pilota e me ne guardo bene dal millantarlo ma ho la soddisfazione personale di poter dire che ,da semplice appassionato quale sono,di aver raggiunto un bel traguardo.

Sono ormai 17 anni che frequento l'Aero Club di Modena, dapprima come visitatore occasionale,poi come socio del Club Frecce Tricolori ed infine come socio ordinario.
In questi anni ho vissuto avventure ed emozioni che un "non pilota" difficilmente potrebbe vivere.

Ed ora festeggio le mie "prime" 300 ore con un volo nato tutto per caso.

Ieri mattina ( mercoledì 28\12) mi sono recato in Aero Club per regolarizzare l'associazione da "ordinario" per il 2012.

Scendendo dall'auto vedo il buon Valler che mi chiede, vieni con noi?
Io all'oscuro di tutto rispondo ,mah non so nulla ,perché dove andate?

Dovremmo andare a Perugia , ha organizzato Attilio, saremo in 7 o 8 ma, se c'è un buco salta su dai, non c'è problema.
Il resto della "banda" arriva alla spicciolata, Federico,
Gabriele,Mirko,Loris ,Manuel ed infine il capo spedizione Attilio.
Allora un breve calcolo ,gli aerei sono due da quattro posti siamo in sette , ok mi aggrego anch'io e siamo otto.

Dopo i controlli di rito e la foto di gruppo mettiamo in moto e decolliamo alla volta di Perugia.

La giornata √® "da segnare sul calendario" da com'√® limpida e pulita, la rotta ci porta a sud di Bologna poi dopo Imola tagliamo gi√Ļ per l'Appennino.

Voliamo tra i 6000 e gli 8000 piedi ,distanziati l'uno dall'altro di pochi minuti ,l'aria è calma , non tira una bava di vanto e in circa un'ora e mezzo siamo a destinazione.

Aspettiamo l'equipaggio dell'altro aereo e ci dirigiamo al terminal per espletare le pratiche aeroportuali e noleggiare due auto.

In 15 minuti siamo ad Assisi, subito veniamo colpiti dalla bellezza e dalla sacralità della cittadina che ha dato i natali a San Francesco.

Parcheggiate le auto saliamo verso li Santuario inerpicandoci tra salite e scalinate ripidissime.
I turisti sono una moltitudine, arrivati davanti alla Basilica facciamo una veloce foto di gruppo dopodiché decidiamo di visitarla .

Incredibile,bellissimo,che meraviglia,queste le parole che di getto venivano pronunciate da tutti noi entrando nella navata della Chiesa dedicata al Santo.

Siamo poi scesi nella Basilica Papale e di l√¨ gi√Ļ fino alla tomba di San Francesco.

Usciti abbiamo gironzolato in cerca di un ristorantino per mettere qualcosa sotto i denti.

Finalmente dopo tre prove siamo riusciti a trovar posto al Ristorante San Francesco. ( eh come vuoi che si chiami un ristorante ad Assisi) Un antipasto un primo due chiacchiere un bel bicchiere di vino ed un caffè.

Ormai è ora di fare ritorno alle auto ,il tempo stringe e soprattutto il sole scende.

Decolliamo!

Alla nostra sinistra dopo aver doppiato il Lago Trasimeno tinto d'oro dal sole proseguiamo sulla rotta che ci riporta nuovamente a sud di Bologna ed iniziamo la discesa.

Il sole sta ormai accarezzando le cime degli Appennini regalando immagini da sogno.

Ad ogni piccola correzione di rotta il sole scompare sotto l'ala e riappare poco dopo accompagnandoci fino a casa quando sopra Rubiera virando in base per la pista 11 ci saluta definitivamente andando a "dormire" al di là delle colline.

Rulliamo davanti all'hangar seguendo le indicazioni di Giorgio, uno dei meccanici ed aspettiamo l'altro equipaggio che ormai è già in finale.

Davanti ai due Piper 28 che da buoni "padri di famiglia" ci hanno riportati a casa ancora una volta commentiamo le ultime fasi del volo accompagnati dal tramonto.

Un'avventura nata per caso che si è trasformata in una meravigliosa giornata.

Pier