Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Catania (Sicilia) - 5 Ottobre 2017

Criminalità Gioia Tauro vendeva droga spacciatori Siciliani

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Sequestrati per pagare la droga della mafia, 23 arresti a Catania - Sono 23 le misure cautelari notificate ad altrettante persone al termine dell’operazione “Double track” condotta dagli investigatori della Squadra mobile di Catania su delega della locale Procura distrettuale antimafia.

Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti (cocaina, hashish e marijuana) e detenzione ai fini di spaccio, con l’aggravante di avere commesso il fatto agendo con il metodo mafioso e al fine di agevolare le attività dell’associazione mafiosa riferibile al clan mafioso Cappello - Bonaccorsi.

L’indagine, che si è sviluppata tra l’ottobre 2014 e l’aprile 2016, ha portato ad individuare l’attività di diverse organizzazioni criminali specializzate nel narcotraffico e attive in alcuni quartieri catanesi e della provincia.

L’attività investigativa ha evidenziato anche alcuni particolari relativi al modus operandi dei criminali che, in alcuni casi, arrivavano a sequestrare gli acquirenti che non pagavano la droga acquistata.

Nel corso delle indagini sono stati sequestrati circa 39 chili di hashish, 48 di marijuana e 4,5 di cocaina.

Il gruppo, che agiva con la protezione del clan Cappello – Bonaccorsi, era in grado di gestire vendite e acquisti di notevoli quantitativi di sostanze stupefacenti, rifornendosi da esponenti della criminalità organizzata calabrese operativa nella piana di Gioia Tauro (Reggio Calabria), e rivendendo la droga agli spacciatori di Catania, Palermo e Siracusa.

Alle fasi conclusive dell’operazione hanno partecipato equipaggi del Reparto prevenzione crimine Sicilia Orientale e personale delle Squadre mobili di Palermo, Messina e Cosenza.