Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Milano (Lombardia) - 21 Novembre 2009

Cede gru in piazza della Repubblica: video dal palazzo

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

L'incidente alla gru nei pressi di piazza della Repubblica. Il video da uno dei palazzi di fronte.

È la prima volta che alla ditta di trasporti Merli capita un incidente della portata di quello che a Milano questa mattina ha visto crollare una gru su un palazzo sfiorando la tragedia. «È successo quello che non doveva succedere, il perchè ancora non lo so», spiega il titolare Francesco Merli, 72 anni, che tiene a precisare che «questa gru può portare fino a 400 tonnellate mentre il carico era di 60 quintali». Impegnato nei lavori per la rimozione del braccio metallico, Merli lascia parlare il figlio Giuseppe, che sottolinea come: «Questo era un lavoro di routine, ne facciamo 10 o 15 di simili ogni settimana a Milano». «Bisognava sostituire tre macchine di condizionamento con altrettante, ma non appena il primo - è la ricostruzione di Giuseppe Merli - ha superato il cornicione del tetto dell'albergo, il braccio si è piegato ed è collassato sul palazzo di fronte». Si tratta di un braccio allungabile che in questo caso era impiegato per una lunghezza di circa 90 metri, racconta ancora Merli sottolineando che «le macchine sono sottoposte a controlli periodici e il manovratore era navigato, forse aveva più di dieci anni di esperienza alle spalle. Comunque faremo le nostre verifiche». Alcuni abitanti si sono lamentati, sorpresi che non si siano prese precauzioni particolari considerando il raggio d'azione dell'autogru. «È vero, andrebbe considerato il raggio d'azione ma - osserva Giuseppe Merli - significherebbe ogni volta evacuare interi palazzi. A noi - è l'amara conclusione - non era mai capitato un incidente di questa portata».