Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Mazara Del Vallo (Trapani, Sicilia) - 19 Febbraio 2009

Cinque Diversamente Abili Raccolgono Le Frazioni

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

PROGETTO-PILOTA A MAZARA, CINQUE DIVERSAMENTE ABILI RACCOLGONO LE FRAZIONI
Tre giorni a settimana girano nelle vie del centro storico per raccogliere carta, cartone, vetro, alluminio e plastica
Il presidente Gaspare Majelli: «Per i ragazzi occasione unica per integrarsi nel mondo del lavoro»
In giro per il centro storico di Mazara del Vallo, come veri operatori ecologici, per raccogliere carta, cartone, vetro e plastica. Si chiama «Io faccio la differenza» il progetto-pilota che l'Ato Tp2 «Belice Ambiente Spa» ha avviato con l'associazione sportiva «Disabili Mazara» e che, nell'ampio programma aziendale di raccolta differenziata, vede impegnati cinque diversamente abili del sodalizio. Sono Nicola Stabile (campione italiano di lancio del peso nel 2008), Gino Quinci, Francesco Asaro, Antonino Bongusto e Sebastiano Amodeo, tutti atleti dell'associazione che, sino ad ora, si sono distinti in diverse discipline sportive conquistando successi a livello nazionale. Ora, per loro, una nuova iniziativa, molto originale, «occasione unica ? dice il presidente dell'associazione, Gaspare Majelli ? per integrarsi nel mondo del lavoro e per relazionarsi con la società». Giubbotto fluorescente e cappellino verde, come veri operatori ecologici, i cinque diversamente abili il lunedì, giovedì e venerdì girano per corso Umberto I, piazza Matteotti, via Vittorio Veneto, porta Palermo, via Garibaldi, piazza della Repubblica, per raccogliere le frazioni nobili nelle attività commerciali: lattine e vetro il lunedì, la carta e cartone il giovedì e la plastica il venerdì. Ad accompagnarli un operatore della «Belice Ambiente Spa», Bartolomeo Occhipinti, che, quando i disabili riempiono i contenitori, fa arrivare il mezzo per il recupero delle frazioni nobili. «I nostri atleti-operatori ecologici sono attesi nei pomeriggi di raccolta dagli esercenti che hanno apprezzato tanto l'iniziativa ? spiega Maria Foderà, un'operatrice dell'associazione che li accompagna nei pomeriggi di raccolta ? per i ragazzi un'occasione davvero originale per relazionarsi». L'associazione «Disabili Mazara» quest'anno celebra il suo ventesimo anno d'attività e i festeggiamenti avverranno nella nuova sede "speciale", la casa confiscata a Giuseppe Giacalone e affidata dal Comune al sodalizio di disabili sportivi. «Questa iniziativa da lustro alla nostra società ? ha commentato l'amministratore unico, Francesco Truglio ? facendo capire che la raccolta differenziata è un tema che coinvolge anche il mondo dei disabili. Con uno slogan, "Io faccio la differenza", che è soprattutto una sorte di provocazione dei diversamente abili verso i normodotati, abbiamo pensato di sensibilizzare le attività commerciali affinché collaborino con noi ad incrementare la raccolta differenziata». La «Belice Ambiente Spa», prima della conclusione del progetto-pilota, previsto per fine maggio, consegnerà come omaggio all'associazione «Disabili Mazara» un computer che sarà utilizzato dai disabili presso la sede del sodalizio.