Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Casamicciola Terme (Napoli) - 16 Gennaio 2009

Casamicciola, Sopraintendenza Blocchera' Scempio?

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Servizio giornalistico realizzato da Gennaro Savio, Direttore di PCIML-TV, www.mogulus.com/pcimltv. Per contatti: gennarosavio@gmail.com.
SCEMPIO AMBIENTALE SUL LUNGOMARE DI CASAMICCIOLA TERME: STAMATTINA C'E' STATO UN NUOVO SOPRALLUOGO DA PARTE DELLA SOPRAINTENDENZA MA IL CANTIERE NON E' STATO ANCORA SEQUESTRATO. IL PCIML CHIEDE L'IMMEDIATO SEGUESTRO DEL CANTIERE E IL RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI.
Continua a tenere banco, sull'isola d'Ischia, la questione della realizzazione di una nuova pompa di benzina Erg sul lungomare di Casamicciola Terme proprio accanto all'unico eliporto pubblico dell'isola d'Ischia la cui futura agibilità potrebbe essere compromessa proprio dalla vicinanza col nuovo impianto di distribuzione carburanti. Sulla costa casamicciolese sino ad ora si è vergognosamente consentito di sbancare la scogliera e di realizzare un muro di cemento armato in una zona dove il Piano Territoriale Paesistico non consente neppure lo spostamento di uno scoglio. A seguito della battaglia condotta dal PCIML, nei giorni scorsi la Sopraintendenza ai Beni Ambientali di Napoli aveva effettuato venerdì mattina 9 gennaio 2009 un sopralluogo in loco assieme alle Forze dell'Ordine, chiedendo ufficialmente all'Amministrazione comunale di sospendere i lavori perché si evidenziavano perplessità sulla locazione, sui materiali utilizzati e sulla eventuale esecuzione di opere di colmata non autorizzabili ai sensi del PTP dell'isola d'Ischia. Ebbene, dinanzi all'autorevole e ufficiale richiesta della Sopraintendenza, i lavori sono continuati ad andare avanti di sabato, di domenica, sotto la pioggia e persino nelle ore serali quando, probabilmente, per non dare nell'occhio, si è lavorato al buio, senza l'ausilio della luce artificiale come possiamo vedere in questo momento grazie alle immagini girate dalle telecamere di PCIML-TV. Stamattina venerdì 16 gennaio 2009, dopo che il PCIML ha presentato un altro dettagliato esposto, la Sopraintendenza al Beni Ambientali di Napoli ha effettuato sul luogo dello scempio, un nuovo e più dettagliato sopralluogo che è andato avanti per circa due ore. Il rappresentante della Sopraintendenza l'Architetto Paolo Mascilli Migliorini, dopo aver visionato il progetto, ha preso le misure di quanto realizzato sino in questo momento all'interno del cantiere. E' stato misurato, in lungo e in largo, anche il muraglione della vergogna eretto in questi giorni sugli scogli e tutto il perimetro del cantiere.
Dopo il sopralluogo, l'Architetto Paolo Miscilli, si è recato presso il Municipio di Casamicciola dove ha tenuto una lunga riunione coi rappresentanti dell'Amministrazione comunale e dell'Ufficio Tecnico. Al momento non si conosce ancora l'esito della riunione o le eventuali decisioni assunte anche perché nel Palazzo Municipale i rappresentanti dell'Amministrazione si guardano bene dal far trapelare indiscrezioni. Una cosa però è certa: dinanzi ad uno scempio ambientale del genere, in un'Isola dove ai comuni mortali non è consentito aprirsi neppure una finestra nella propria abitazione o allargare una stanza della propria casa per sopraggiunte esigenze familiari, desta scalpore il fatto che il cantiere ancora non sia stato sequestrato così come chiesto nei giorni da Domenico Savio alla Magistratura e alla Sopraintendenza. Intanto il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, nel continuare a portare avanti la battaglia politica contro la realizzazione del distributore di carburanti Erg sulla ex Strada Statale 270 a salvaguardia della futura agibilità dell'unico eliporto pubblico dell'isola d'Ischia e contro lo scempio ambientale in atto, chiede nuovamente il sequestro del cantiere e il ripristino dello stato dei luoghi.