Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Milano (Lombardia) - 30 Dicembre 2008

Basilica San Lorenzo a Milano imbrattata

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Delle insignificanti e squallide scritte di colore viola, altre verdi, altre ancora bianche.
I graffitari sono entrati ancora una volta in azione e hanno preso di mira alcuni tratti di muro della basilica di San Lorenzo a Milano, nella parte che dà sul parco di Piazza Vetra.
E così, mentre piovono le reazioni del Parroco e del vicesindaco di Milano, sdegnati per il gesto che tra l'altro cade proprio nei giorni del Natale, inizia per l'ennesima volta "il guardie e ladri".
Da una parte gli addetti dell'impresa di pulizia comunale, dall'altra i writers. Eccoli nelle immagini girate di nascosto durante il corteo dello scorso primo maggio.
Ora il vicesindaco di Milano, De Corato va all'attacco, propone lavori socialmente utili per i writers, oltre tassativamente all'obbligo di ripulitura degli immobili. E chiede al governo una modifica legislativa per disincentivare il fenomeno.
Don Augusto, dal canto suo, il parroco della basilica di San Lorenzo, è intenzionato a installare al più presto un sistema automatico di riconoscimento dei vandali. Un software che permetterà anche l'allerta in tempo reale nel caso qualcuno provi ancora ad imbrattare i muri della chiesa. Ma rilancia l'idea anche di installare una ringhiera protettiva.
Passano gli anni, la lotta ai graffitari continua.

Più visti della settimanaTutti