Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Bari (Puglia) - 17 Marzo 2018

Bari, omicidio della pensionata di Bitonto: la sparatoria in diretta

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Bari: arrestati gli autori dell’omicidio di Annarosa Tarantino a Bitonto - Le fasi della sparatoria in diretta. Nella clip si sentono i colpi di pistola e le grida della gente che chiede aiuto. Ripresa anche la fuga in motorino dei presunti killer.

Sette esponenti dei gruppi criminali “Conte” e Cipriano”, attivi nel territorio di Bitonto, Bari, sono stati arrestati, questa mattina, dalla Squadra mobile di Bari e dagli uomini dei Carabinieri.
Le indagini sono partite dopo la sparatoria avvenuta nel centro di Bitonto il 30 dicembre scorso in cui rimase uccisa la pensionata Annarosa Tarantino e ferito un 20enne, vero obiettivo dei sicari.

Le indagini hanno accertato che il giovane rimasto ferito è un appartenente ad uno dei due gruppi criminali che si contendono il dominio del traffico e dello spaccio di droga a Bitonto: il gruppo denominato “Conte”, operativo nella periferia urbana e il gruppo dei “Cipriano” operativo nel centro storico del comune tra cui è in atto una faida.

Nell´ottobre scorso, la Squadra mobile aveva eseguito un´ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tre esponenti del gruppo “Conte” ritenuti responsabili del violento pestaggio, avvenuto a settembre, nei confronti di un componente dei “Cipriano”.

Tutto ciò avrebbe innescato un “botta e risposta” e una serie di azioni di fuoco per le vie di Bitonto, culminate con la tragica sparatoria a seguito della quale veniva ferita mortalmente la donna.

Tutti i reati contestati agli arrestati sono aggravati dal metodo mafioso. Le persone coinvolte sono sono ritenute responsabili di: omicidio, tentato omicidio, spari in luogo pubblico, detenzione e porto abusivo di armi, minaccia e violenza privata.