Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
L'aquila, Abruzzo - 17 Ottobre 2010

Assergi , il musuo dell'emigrante

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- DOWNLOAD EMBED

  • Dimensioni: -
    Autoplay: Si No

Silvestro Medoro,1871-1956, è mio nonno, il padre di mio padre Quirino,1905-1984.Risulta dal sito di Ellis Island, ricerca dei passeggeri, che passò ad Ellis Island nel 1902 e nel 1906, a 31 e 35 anni.Anche questa una sorta di transumanza in cerca di pascoli americani, in questo caso un movimento pendolare di due oscillazioni, insolito ad una distanza così ampia in un'epoca in cui la traversata dell' oceano Atlantico richiedeva un mese o più. Per lui non si trattava proprio di pascolo, ma di una miniera di carbone a Dodley, Pennsylvania, da cui trasse un gruzzoletto che gli permise di sopravvivere insieme alla sua famiglia, moglie Domenica, e figli, Angela, sepolta in un cimitero di Philadelphia in mezzo ad una mare di croci con nomi in tutte le lingue, Laura, Quirino ed Elide, sepolti a L'Aquila. Anche zia Elide passò un lungo periodo di lavoro a Filadelfia, da cui tornò nel momento della pensione avendo acquistato con i guadagni americani un bell'appartamentino nel centro della città.

Visse dunque nonno Silvestro con i proventi di un modesto negozietto nella sua casa di Assergi che è rimasta sua, mai divisa fra gli eredi, per l'assenza della figlia Angela, che viveva a Filadelphia dal 1936, e per una storia infinita di discussioni fra coeredi viventi a L' Aquila, le cui origini, per me misteriose, sono state seppellite per sempre con padre e zie, sempre più inconsistenti e nebulose man mano che il tempo passa, però fortissime ed hanno finora impedito una conclusione utile riguardo la proprietà della casa. Questa è ormai una querelle senza nessuna possibilità di soluzione in avvenire essendo ormai dilagata dai cugini ai figli, sparsi per il mondo, in un paio di continenti.E' una storia ancora inconclusa che dimostra solo una sorta di volontà, mai esplicitata con chiarezza, di distruzione del proprio passato, come una vergogna da dimenticare per sempre.

Restano di questa casa in evidente stato di abbandono, oltre le solidissime mura in pietra, alcune suppellettili a ricordo del lavoro passato, e due diplomi degli anni venti, incorniciati in quadri ancora appesi nella camera da letto avuti per la nomina di Silvestro Medoro a consigliere comunale di Camarda.

Mi piacerebbe che questa casa, nata con soldi guadagnati in America strappando a picconate dalle viscere della terra carbone che andava a rifornire le acciaierie della Pennsylvania, diventasse la sede del Museo dell'Emigrazione, per raccogliere e conservare a futura memoria i ricordi dell'emigrazione di Assergi e paesi vicini, una bella pagina della storia dell'Abruzzo, scritta da gente coraggiosa ed aperta verso il mondo, costretta a lasciare una terra sassosa ed avara, le cui testimonianze non dovranno andare perdute. Si tratta di corrispondenze, fotografie, oggetti che vorrei fossero conservati in armadi a vetro, protetti dall'umidità e dalla polvere, e da aprire per la consultazione di quanti li vogliano leggere ed interpretare per fini di ricerca storica. Da notare che le corrispondenze riportano memoria scritta di forme dialettali perdute, che non sono errori di lingua italiana di cui vergognarsi, ma sono lingua parlata in anni che si allontanano sempre di più, estinta per sempre.

E' un'idea questa, che vorrei diventasse un progetto da realizzare con la piena partecipazione del paese, con lo sguardo rivolto al futuro anziché al passato, per realizzare un luogo di conservazione della memoria di quanti, originari del paese, sono per sempre lontani nello spazio e nel tempo. Potrebbe diventare un luogo di crescita ed elaborazione di una pagina di cultura abruzzese, aperto al futuro che sempre più ci vede terra di immigrazione ed accoglienza, dopo essere stato paese di emigrazione e spopolamento.

Emanuela Medoro