Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Giro d'Italia 2016
GIRO D'ITALIA 2016
VIDEO-MAPPA Condividi su FACEBOOK Condividi su TWITTER

Tutti i contributi degli spettatori della 99esima edizione del Giro d'Italia

Stanno contribuendo gli utenti: ricva, AntonioChiera, Ivan83to, 208gogeta, Ultor69, JoReporter

  • Torino1 anno fa
    video La carovana del giro d'Italia
    La carovana del giro d'Italia
    L'arrivo della carovana
  • Torino1 anno fa
    video Arrivo del giro d'Italia
    Arrivo del giro d'Italia
    All'arrivo!
  • Torino1 anno fa
    full hd video Giro. Il Video Di Vincenzo Nibali E Le Sue Dichiarazioni
    Giro. Il Video Di Vincenzo Nibali E Le Sue Dichiarazioni
    NIBALI, E SONO DUE! Vincenzo Nibali si aggiudica per la seconda volta la Corsa Rosa dopo il successo del 2013. Nikias Arndt dichiarato ultimo vincitore di tappa dopo il declassamento da parte della giuria di Giacomo Nizzolo. Il giorno dopo aver indossato la Maglia Rosa a Sant'Anna di Vinadio, Vincenzo Nibali ha vinto il 99º Giro d’Italia a Torino – la sua seconda volta dopo il 2013. Il vincitore della classifica a punti, Giacomo Nizzolo, ha tagliato per primo la linea del traguardo ma è stato declassato all'ultimo posto del gruppo dalla giuria per volata irregolare. Nikias Arndt ha aggiunto così il suo nome alla lista dei vincitori di tappa del Giro d’Italia. CLASSIFICA GENERALE 1 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) 2 - Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 52” 3 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 1’17” 4 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) a 1’50” 5 - Rafal Majka (Tinkoff) a 4’37” MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo) Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Mikel Nieve (Team Sky) Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx – Quick-Step) RISULTATO TAPPA 1 - Nikias Arndt (Team Giant - Alpecin) - 163 km in 3h48’18”, media 42,838 km/h 2 - Matteo Trentin (Etixx - Quick-Step) s.t. 3 - Sacha Modolo (Lampre Merida) s.t. LE PILLOLE STATISTICHE Seconda vittoria di Vincenzo Nibali al Giro dopo il 2013: questa è la sua 4^ vittoria in un Grande Giro ed il suo 8° podio finale 21° giorno in Rosa per Nibali, gli stessi di Gianni Bugno e Tony Rominger. Sia Bugno che Rominger vestirono le loro “Rosa” in un solo Giro, rispettivamente nel 1990 e 1995 Dal 2013 in poi il team Astana ha vinto un Grande Giro all’anno con atleti italiani: Nibali al Giro nel 2013 e 2016; Nibali al Tour 2014; Aru alla Vuelta l’anno scorso Esteban Chaves è il terzo colombiano sul podio finale del Giro dopo Nairo Quintana, vincitore nel 2014 e Rigoberto Uran, 2° nel 2013 e 2014. La Colombia ha dovuto attendere 40 anni per un podio finale al Giro: il primo colombiano a partecipare al Giro fu Martin Emilio Rodriguez Gutierrez nel 1973 Alejandro Valverde negli ultimi 3 anni è finito al 3° posto in ciascuno dei tre Grandi Giri: alla Vuelta nel 2014, al Tour l’anno scorso e al Giro quest’anno. Sono 8 i podi totali per Valverde nei Grandi Giri: una vittoria (Vuelta 2009), due secondi posti, cinque terzi Valverde è il terzo corridore di più di 35 anni a terminare sul podio finale del Giro dopo Bartolomeo Aimo (38 anni nel 1928) e Cadel Evans (36 anni nel 2013) Prima vittoria al Giro per Nikias Arndt. La retrocessione di Nizzolo cambia in modo decisivo il bilancio delle vittorie per nazione in questo Giro: 7 per la Germania, 6 per l’Italia. Tutte e 7 le vittorie tedesche in questo Giro sono arrivate in tappe piatte/volate, tutti i successi italiani in tappe ondulate/di montagna 33^ vittoria di tappa per la Germania al Giro: 21 di queste sono giunte in questo secolo DICHIARAZIONI CONFERENZA STAMPA La Maglia Rosa, Vincenzo Nibali: “Ero il faro di questo Giro, tutti mi guardavano ma io non avevo mai corso testa a testa con corridori come [Tom] Dumoulin, Chaves e Kruijswijk. Non guardo spesso al mio palmares ma quando lo faccio mi rendo conto che è ricco di successi. Ho avuto problemi di stomaco ma è meglio non dire nulla a volte. L'ultima giornata di riposo mi ha permesso di sentirmi meglio. Non ho mai detto di voler andare a casa e sono sempre rimasto nelle parti alte della classifica. Steven Kruijswijk aveva un buon vantaggio dopo le Dolomiti ma sapevo che le montagne più alte dovevano ancora arrivare. Correre sopra i 2000 metri non è facile per nessuno ma io mi ci sono trovato bene. [Steven] Kruijswijk è caduto ma verso la somma del Colle dell’Agnello mi ero reso conto che faticava a respirare e quindi gli ho messo pressione attaccando in discesa. Se non l'avessi fatto non sarebbe successo nulla e anche [Esteban] Chaves avrebbe avuto vita facile”. Il vincitore di tappa, Nikias Arndt: “Ho visto la volata dal mio lato della strada, che era l'altro rispetto a [Giacomo] Nizzolo e [Sacha] Modolo. Ero nervoso all'ultimo chilometro. Siamo andati a tutta nelle curve ed io mi sono solo concentrato su cosa dovevo fare. Ho attraversato la linea in seconda posizione, poi mi hanno detto che avevo vinto: ero molto sorpreso. La giuria ha ha preso una decisione, difficile da prendere sicuramente. Questo è il più grande risultato della mia carriera finora. Ero venuto al Giro per fare le volate e per vincere una tappa, avevo avuto due buoni risultati ma non una vittoria. Posso solo immaginare quanto sia deluso Nizzolo ma spero si possa almeno godere la Maglia Rossa”.
  • Torino1 anno fa
    gallery Giro D'italia,le Foto Della Premiazione E Della Tappa
    Giro D'italia,le Foto Della Premiazione E Della Tappa
    Nibali, vittoria bis al Giro d’Italia - Arndt vince l'ultima tappa a Torino VINCENZO NIBALI, VITTORIA BIS AL GIRO D'ITALIA NIKIAS ARNDT VINCE L'ULTIMA TAPPA A TORINO Giacomo Nizzolo, primo sulla linea, retrocesso dalla giuria Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) ha vinto il 99º Giro d'Italia, indossando la Maglia Rosa e iscrivendo per la seconda volta il suo nome sul Trofeo senza Fine. Il podio è completato da Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 52" e Alejandro Valverde (Movistar Team) a 1'17". Il corridore tedesco Nikias Arndt (Team Giant - Alpecin) ha vinto la ventunesima e ultima tappa della Corsa Rosa, da Cuneo a Torino di 163 km tappa. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Matteo Trentin (Etixx - Quick-Step) e Sacha Modolo (Lampre Merida). Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo), primo sulla linea, è stato retrocesso dalla giuria. CLASSIFICA GENERALE 1 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) 2 - Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 52” 3 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 1’17” 4 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) a 1’50” 5 - Rafal Majka (Tinkoff) a 4’37” MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo) Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Mikel Nieve (Team Sky) Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx – Quick-Step) RISULTATO TAPPA 1 - Nikias Arndt (Team Giant - Alpecin) - 163 km in 3h48’18”, media 42,838 km/h 2 - Matteo Trentin (Etixx - Quick-Step) s.t. 3 - Sacha Modolo (Lampre Merida) s.t. La Maglia Rosa ha dichiarato: "È una bella emozione. Oggi vinco il mio secondo Giro d'Italia. Sono senza parole. C'era una folla enorme sul circuito finale e mi ha mostrato grandissimo affetto. Anche la mia famiglia è qui con me, sono riuscito ad abbracciare tutti. All'inizio della tappa ha piovuto un poco ma c'era il sole alla fine, la mia gioia è completa. Amo questi momenti". Il vincitore, subito dopo il traguardo, ha dichiarato: "Questo non è il modo in cui avrei voluto vincere una tappa al Giro, avrei voluto vincere una tappa prima di oggi. Ho provato a vincere per tre settimane. La giuria ha preso la sua decisione e noi corridori non possiamo farci niente. Sono felice di avere una tappa del Giro nel mio palmares, ho comunque fatto una buona volata oggi".
  • Torino1 anno fa
    video Giro D'italia Il Video Della Premiazione Di Vincenzo Nibali
    Giro D'italia Il Video Della Premiazione Di Vincenzo Nibali
    Nibali, vittoria bis al Giro d’Italia - Arndt vince l'ultima tappa a Torino VINCENZO NIBALI, VITTORIA BIS AL GIRO D'ITALIA NIKIAS ARNDT VINCE L'ULTIMA TAPPA A TORINO Giacomo Nizzolo, primo sulla linea, retrocesso dalla giuria Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) ha vinto il 99º Giro d'Italia, indossando la Maglia Rosa e iscrivendo per la seconda volta il suo nome sul Trofeo senza Fine. Il podio è completato da Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 52" e Alejandro Valverde (Movistar Team) a 1'17". Il corridore tedesco Nikias Arndt (Team Giant - Alpecin) ha vinto la ventunesima e ultima tappa della Corsa Rosa, da Cuneo a Torino di 163 km tappa. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Matteo Trentin (Etixx - Quick-Step) e Sacha Modolo (Lampre Merida). Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo), primo sulla linea, è stato retrocesso dalla giuria. CLASSIFICA GENERALE 1 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) 2 - Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 52” 3 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 1’17” 4 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) a 1’50” 5 - Rafal Majka (Tinkoff) a 4’37” MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo) Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Mikel Nieve (Team Sky) Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx – Quick-Step) RISULTATO TAPPA 1 - Nikias Arndt (Team Giant - Alpecin) - 163 km in 3h48’18”, media 42,838 km/h 2 - Matteo Trentin (Etixx - Quick-Step) s.t. 3 - Sacha Modolo (Lampre Merida) s.t. La Maglia Rosa ha dichiarato: "È una bella emozione. Oggi vinco il mio secondo Giro d'Italia. Sono senza parole. C'era una folla enorme sul circuito finale e mi ha mostrato grandissimo affetto. Anche la mia famiglia è qui con me, sono riuscito ad abbracciare tutti. All'inizio della tappa ha piovuto un poco ma c'era il sole alla fine, la mia gioia è completa. Amo questi momenti".
  • Torino1 anno fa
    gallery Nibali, vittoria bis al Giro d’Italia - Arndt vince tappa 21
    Nibali, vittoria bis al Giro d’Italia - Arndt vince tappa 21
    Nibali, vittoria bis al Giro d’Italia - Arndt vince l'ultima tappa a Torino VINCENZO NIBALI, VITTORIA BIS AL GIRO D'ITALIA NIKIAS ARNDT VINCE L'ULTIMA TAPPA A TORINO Giacomo Nizzolo, primo sulla linea, retrocesso dalla giuria Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) ha vinto il 99º Giro d'Italia, indossando la Maglia Rosa e iscrivendo per la seconda volta il suo nome sul Trofeo senza Fine. Il podio è completato da Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 52" e Alejandro Valverde (Movistar Team) a 1'17". Il corridore tedesco Nikias Arndt (Team Giant - Alpecin) ha vinto la ventunesima e ultima tappa della Corsa Rosa, da Cuneo a Torino di 163 km tappa. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Matteo Trentin (Etixx - Quick-Step) e Sacha Modolo (Lampre Merida). Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo), primo sulla linea, è stato retrocesso dalla giuria. CLASSIFICA GENERALE 1 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) 2 - Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 52” 3 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 1’17” 4 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) a 1’50” 5 - Rafal Majka (Tinkoff) a 4’37” MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo) Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Mikel Nieve (Team Sky) Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx – Quick-Step) RISULTATO TAPPA 1 - Nikias Arndt (Team Giant - Alpecin) - 163 km in 3h48’18”, media 42,838 km/h 2 - Matteo Trentin (Etixx - Quick-Step) s.t. 3 - Sacha Modolo (Lampre Merida) s.t. La Maglia Rosa ha dichiarato: "È una bella emozione. Oggi vinco il mio secondo Giro d'Italia. Sono senza parole. C'era una folla enorme sul circuito finale e mi ha mostrato grandissimo affetto. Anche la mia famiglia è qui con me, sono riuscito ad abbracciare tutti. All'inizio della tappa ha piovuto un poco ma c'era il sole alla fine, la mia gioia è completa. Amo questi momenti". Il vincitore, subito dopo il traguardo, ha dichiarato: "Questo non è il modo in cui avrei voluto vincere una tappa al Giro, avrei voluto vincere una tappa prima di oggi. Ho provato a vincere per tre settimane. La giuria ha preso la sua decisione e noi corridori non possiamo farci niente. Sono felice di avere una tappa del Giro nel mio palmares, ho comunque fatto una buona volata oggi".
  • Piasco1 anno fa
    video Cima Coppi il TV Tappa 19 Giro D'Italia 2016.Il video
    Cima Coppi il TV Tappa 19 Giro D'Italia 2016.Il video
    BUONGIORNO DALLA TAPPA 19 DEL GIRO D’ITALIA La Cima Coppi attende gli uomini di classifica. La Corsa Rosa termina oltralpe. Buongiorno dalla diciannovesima tappa del Giro d'Italia, da Pinerolo a Risoul di 162 km, la tanto attesa tappa con la Cima Coppi, il Colle dell'Agnello, la salita più alta della Corsa Rosa, frazione che terminerà sulla salita francese. La corsa ha passato il km 0 alle ore 12.42 con il gruppo forte di 160 corridori. Non partito il numero 26, Ciccone. METEO Pinerolo: Molto nuvoloso. Temperatura 21-22°C. Venti da est 6 km/h Risoul (Arrivo): Variabile. Temperatura 14-16°C. Venti da sud-ovest 18-22 km/h
  • Bricherasio1 anno fa
    hd video Giro d' Italia 2016 Bricherasio, Torino
    Giro d' Italia 2016 Bricherasio, Torino
    La carovana del giro è giunta alla 19esima tappa, la terzultima, da Pinerolo a Risoul di 162 km.
  • Cinisello Balsamo1 anno fa
    full hd video giro d'italia passa a cinisello balsamo
    giro d'italia passa a cinisello balsamo
    giro d'italia passa a cinisello balsamo
  • Muggiò1 anno fa
    hd video Partenza del Giro d'Italia da Muggiò
    Partenza del Giro d'Italia da Muggiò
    18 tappa Muggiò Pinerolo
  • Muggiò1 anno fa
    hd video Muggiò Aspettando il Giro d'Italia
    Muggiò Aspettando il Giro d'Italia
    Muggiò la città si prepara alla partenza della tappa Muggiò Pinerolo del Giro d'Italia
  • Andalo1 anno fa
    full hd video Giro d'Italia 2016, 16ª tappa: l'arrivo ad Andalo (TN)
    Giro d'Italia 2016, 16ª tappa: l'arrivo ad Andalo (TN)
    Giro d'Italia 2016. La 16ª tappa dell'edizione n°99 del Giro d'Italia è partita da Bressanone per poi raggiungere Andalo, in provincia di Trento. Un totale di 132 km che i corridori hanno portato a termine poco prima delle ore 17:00 del 24 maggio 2016.
  • Castelrotto1 anno fa
    gallery Giro D'Italia Tappa 15 a Kruijswijk sempre più leader.
    Giro D'Italia Tappa 15 a Kruijswijk sempre più leader.
    Kruijswijk sempre più leader KRUIJSWIJK SEMPRE PIÙ LEADER Alexander Foliforov sorprende tutti nella cronoscalata Il corridore russo Alexander Foliforov della Gazprom - Rusvelo ha vinto a sorpresa la cronoscalata dell'Alpe di Siusi con un vantaggio di 16 centesimi di secondo su Steven Kruijswijk. L’olandese ha rafforzato la sua leadership a una settimana dalla conclusione del Giro e ha distanziato ulteriormente Esteban Chaves, Vincenzo Nibali e Alejandro Valverde che lo seguono in quest’ordine nella Classifica Generale. Il campione italiano è stato rallentato anche da un incidente meccanico che lo ha costretto a cambiare la bicicletta. RISULTATO FINALE 1 - Alexander Foliforov (Gazprom - Rusvelo) - 10,850 km in 28'39", media 22,617 km/h 2 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) s.t. 3 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 23" MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo) Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Damiano Cunego (Nippo - Vini Fantini) Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step) CLASSIFICA GENERALE 1 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) 2 - Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 2'12" 3 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) a 2'51" 4 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 3'29" 5 - Rafal Majka (Tinkoff) a 4'38" LE PILLOLE STATISTICHE Prima di Alexander Foliforov ci sono stati tre atleti russi a vincere cronometro al Giro e tutti hanno vinto anche la Classifica Generale nella loro carriera: Evgueni Berzin (3 crono, 1 Classifica Generale); Pavel Tonkov (1 crono, 1 Classifica Generale) e Denis Menchov (1 crono, 1 Classifica Generale) Steven Kruijswijk ottiene un risultato straordinario che gli consente di conservare la Maglia Rosa: non si tratta solo del suo primo podio in una cronometro del Giro, ma anche l’unico podio nelle 46 cronometro che ha corso nella sua carriera da professionista Primo podio al Giro per Alejandro Valverde, con i suoi 36 anni è l’atleta più anziano a podio in questo Giro DICHIARAZIONI CONFERENZA STAMPA La Maglia Rosa Steven Kruijswijk: “Per me è una giornata storica. Ho perso la tappa di un nonnulla ma ho guadagnato più tempo di quanto pensassi sui miei rivali. Non avrei mai pensato di essere in testa il weekend prima dell'ultima settimana. Sono nella miglior forma della mia carriera. Trattandosi di una cronometro corta sapevo di dover partire subito forte. Ho poi trovato il ritmo ideale ma gli ultimi due chilometri erano davvero duri. Non ho ancora vinto il Giro ma spero di difendere la Maglia Rosa fino alla fine. Ho fiducia nella mia squadra ma Chaves, Nibali e Valverde sono tutti ugualmente pericolosi. Non conosco le prossime tappe di montagna in dettaglio ma so che le ultime due saranno molto impegnative a causa dell'altitudine”. Il vincitore di tappa Alexander Foliforov: “Ero molto teso mentre stava arrivando la Maglia Rosa perché vedevo le immagini in TV. Ho pensato che Kruijswijk vincesse. Ancora non posso credere di aver vinto una tappa al Giro d’Italia! Le cronoscalate sono la mia specialità. Ne ho vinta una simile al GP Sochi in Russia [su una distanza di 10,3 km lo scorso anno] e sono arrivato quinto in un'altra al Giro della Valle d’Aosta [su una distanza di 9,2 km da Champdepraz a Covarey dietro Fabio Aru, Kenny Elissonde, Joe Dombrowski e Ilnur Zakarin all'età di 18 anni]. La vittoria di oggi è molto importante per la nostra squadra, per i nostri sponsor e per me, soprattutto considerando che siamo qui come wildcard. Abbiamo dimostrato che possiamo lottare e vincere una tappa”. DOMANI TERZA ED ULTIMA GIORNATA DI RIPOSO #Giro
  • Cividale Del Friuli1 anno fa
    gallery Giro D'Italia Tappa 13 a Nieve Amador è la nuova Maglia Rosa
    Giro D'Italia Tappa 13 a Nieve Amador è la nuova Maglia Rosa
    Mikel Nieve vince in solitaria, Andrey Amador è la nuova Maglia Rosa MIKEL NIEVE VINCE IN SOLITARIA, ANDREY AMADOR È LA NUOVA MAGLIA ROSA Storica Maglia Rosa per il Costarica. Fuga vittoriosa dello spagnolo. Jungels si stacca in salita. Nibali vince la volata degli inseguitori e scavalca Valverde in classifica grazie all'abbuono. Cividale del Friuli, 20 maggio 2016 – Il corridore spagnolo Mikel Nieve (Team Sky) ha vinto la tredicesima tappa del 99º Giro d'Italia, da Palmanova a Cividale del Friuli di 170 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Giovanni Visconti (Movistar Team) e Vincenzo Nibali (Astana Pro Team). Andrey Amador (Movistar Team) è la nuova Maglia Rosa di leader della classifica generale. RISULTATO FINALE 1 - Mikel Nieve (Team Sky) - 170 km in 4h31'49", media 37,525 km/h 2 - Giovanni Visconti (Movistar Team) a 43" 3 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) a 1'17" MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Andrey Amador (Movistar Team) Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo) Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Damiano Cunego (Nippo - Vini Fantini) Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step) CLASSIFICA GENERALE 1 - Andrey Amador (Movistar Team) 2 - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step) a 26" 3 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) a 41" Il vincitore, subito dopo il traguardo, ha dichiarato: "Sono molto felice. Erano passati quasi cinque anni dalla mia ultima vittoria di tappa al Giro d'Italia [Gardeccia 2011]. L'attacco di oggi era stato pianificato, andare all'attacco per una vittoria di tappa era l'unica cosa che potevamo fare dopo l'abbandono di Mikel Landa. Sono andato a tutta, è andato tutto bene e ce l'ho fatta". La Maglia Rosa ha dichiarato: "Sono felicissimo per questa Maglia Rosa. Farò di tutto per godermi questo momento. La verità è che Alejandro Valverde è fortissimo e la mia leadership non cambia nulla. Lui è il nostro capitano ed io sto correndo per lui. Ci aspettano due giorni molto duri, domani ci sarà la tappa regina. È fantastico affrontarla con indosso la Maglia Rosa". Seguiranno le dichiarazioni della conferenza stampa e altri materiali. TAPPA DI DOMANI Tappa n. 14 – Alpago (Farra) - Corvara (Alta Badia) – 210 km Tappone Dolomitico. Negli ultimi 150 km si scalano sei passi dolomitici per 4700 m di dislivello (su 5400 totali). Si percorre la valle del Cordevole su strade larghe e ben pavimentate fino a Arabba dove si affronta il Passo Pordoi. Seguono in rapida sequenza (senza pianura) i Passi Sella, Gardena e il primo passaggio sulla linea di arrivo (TV) a Corvara. Si scalano quindi il Passo Campolongo, il Passo Giau (la salita più dura di giornata con 9% medio e primi chilometri sopra il 10-12%) e il Passo Valparola, che immette al termine della discesa negli ultimi 5 km. Le salite e le discese sono caratterizzate da numerosi tornanti e da alcuni attraversamenti urbani anche ristretti. Ultimi km Ultimi 5 km generalmente in salita. Si percorre subito il Muro del Gatto (360 m dal 13 al 19%) per poi ridiscendere sulla strada statale per Corvara sempre in leggera ascesa (2-3% medio). Ultima curva a 150 m dall’arrivo. Rettilineo in leggera salita su asfalto di larghezza 6 m.
  • Modena1 anno fa
    full hd video Giro d'Italia 2016, 11ª tappa: la partenza da Modena
    Giro d'Italia 2016, 11ª tappa: la partenza da Modena
    Giro d'Italia 2016. L'11ª tappa dell'edizione n°99 del Giro d'Italia, è partita da Modena, nel cuore dell'Emilia. La tappa in questione, prevede la percorrenza di 227 km da Modena ad Asolo. La partenza ufficiale (km 0) è avvenuta alle ore 11:50 del 18 maggio 2016. In questo video, la prima fase del trasferimento verso il chilometro 0.
  • Greve In Chianti1 anno fa
    full hd video Giro D'Italia Tappa 9. Il Video
    Giro D'Italia Tappa 9. Il Video
    Roglic, la fortuna aiuta gli audaci - Brambilla difende la Maglia Rosa ROGLIC, LA FORTUNA AIUTA GLI AUDAC. BRAMBILLA DIFENDE LA MAGLIA ROSA. I favoriti per la vittoria finale separati da pochi secondi. La battaglia per la Rosa è sempre più aperta __________________________________________________________________________________________________________________________ La cronometro del Chianti Classico è andata all'ex campione di salto con gli sci Primoz Roglic, che era già giunto alle spalle del vincitore Domoulin, staccato di un solo centesimo di secondo, nella cronometro iniziale ad Apeldoorn. Questa volta la fortuna non gli ha voltato le spalle e ha potuto godere di condizioni meteo favorevoli e strada asciutta, partendo tra i primi. Sotto la pioggia battente, invece, Gianluca Brambilla ha difeso la Maglia Rosa con un secondo di vantaggio sul compagno di squadra Bob Jungels. Gli sfidanti in Classifica Generale, che hanno gareggiato tutti sotto la pioggia, si sono equivalsi separati da pochi secondi. _________________________________________________________________________________________________________________________ RISULTATO FINALE 1 - Primoz Roglic (Team Lotto NL - Jumbo) - 40,5 km in 51'45", media 46,956 km/h 2 - Matthias Brandle (IAM Cycling) a 10" 3 - Vegard Stake Laengen (IAM Cycling) a 17" MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Gianluca Brambilla (Etixx - Quick-Step) Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - André Greipel (Lotto Soudal) Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Tim Wellens (Lotto Soudal) Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step) CLASSIFICA GENERALE 1 - Gianluca Brambilla (Etixx - Quick-Step) 2 - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step) a 1" 3 - Andrey Amador (Movistar Team) a 32" __________________________________________________________________________________________________________________________ LE PILLOLE STATISTICHE Primoz Roglic è il terzo sloveno a vincere al Giro. Tutti e tre hanno trionfato negli ultimi tre anni: Luka Mezgec a Trieste nel 2014, Jan Polanc all’Abetone l’anno scorso ed ora Roglic. Vittorie in tre tipi di tappe diverse: Mezgec in volata, Polanc in un arrivo in salita e Roglic a cronometro Sia Brambilla che Roglic hanno ottenuto ieri ed oggi le loro prime vittorie UCI WorldTour al Giro Vegard Stake Laengen riporta la Norvegia sul podio di una cronometro del Giro per la prima volta dopo 7 anni, quando Edvald Boasson Hagen fu terzo nel 2009 nell’ultima tappa a Roma. Grande passo avanti per Stake Laengen verso la selezione per i Giochi di Rio _________________________________________________________________________________________________________________________ DICHIARAZIONI Il vincitore della cronometro, Primoz Roglic, ha detto in conferenza stampa: “Sono davvero felice per la mia performance. Dovrei saltare dalla gioia e sorridere in continuazione, è pazzesco, non riesco ancora a crederci. Ero stato sfortunato ad Apeldoorn per aver perso la vittoria di qualche centimetro [nella prima tappa] da Tom Dumoulin. Oggi la fortuna è girata, il meteo variabile mi ha reso quanto avevo perso. Ho avuto problemi alla bicicletta appena prima della partenza ma avevo una bici di riserva e l'ho cambiata. Quando ho smesso con il salto con gli sci per passare al ciclismo sognavo di diventare il migliore ma non credevo che una vittoria arrivasse così presto. La cronometro individuale più lunga che ho corso prima di oggi era di 10 km. Ora farò del mio meglio per aiutare il mio capitano Steven [Kruijswijk] nella classifica generale”. La Maglia Rosa, Gianluca Brambilla, ha detto in conferenza stampa: “Era un percorso tecnico e difficile e la pioggia lo ha reso ancora più duro. Ho visto molte cadute ma siamo andati a tutta lo stesso. Uso il plurale perché se non avessi tenuto la Maglia Rosa, l'avrebbe presa il mio compagno Bob Jungels. Capita nel ciclismo che i gregari abbiano la Maglia, ora sono curioso di capire cosa si prova ad indossarla in gruppo, credo sarà fantastico. Abbiamo due settimane molto dure davanti a noi e mi piacerebbe vincere un'altra tappa”. La Maglia Bianca, Bob Jungels: “Sono decisamente felice per il risultato di oggi. Non ho rimpianti per non aver indossato la Maglia Rosa perché è sulle spalle di un mio compagno di squadra [Gianluca Brambilla]. È inusuale in un Gran Tour che due compagni di squadra siano ai primi due posti della Generale dopo alcune tappe. Sono stato contento per come ho corso in avverse condizioni meteo. Penso di essere andato molto bene, ho dato tutto. Sapevo sin dalla partenza che la crono era adatta a me perché avevo fatto la ricognizione dopo le Strade Bianche a marzo. Abbiamo un grande spirito di squadra, forse le prossime salite saranno troppo dure per le nostre caratteristiche ma come risultati non possiamo certo lamentarci... proveremo ad ottenerne altri”. _________________________________________________________________________________________________________________________
  • Foligno1 anno fa
    foto Giro d'Italia la prima volta Immagini in Diretta dalle Bici
    Giro d'Italia la prima volta Immagini in Diretta dalle Bici
    A partire dalla settima tappa della 99^ edizione del Giro d’Italia, RCS Sport e l’host broadcaster RAI – Radiotelevisione Italiana hanno trovato un accordo per trasmettere immagini della gara in diretta da alcune bici degli atleti. Per la prima volta nella storia della Corsa Rosa, una telecamera broadcast HD, che trasmetteva live, è stata installata sulla bicicletta di uno degli atleti in gara per dare a tutti gli appassionati la possibilità di “sentirsi in sella” e “dentro la corsa”. Grazie alla disponibilità e collaborazione del team Gazprom - Colnago, con cui erano stati effettuati i test tecnici, il primo corridore coinvolto è stato il russo Andrey Solomennikov
  • Catanzaro1 anno fa
    video Giro d'Italia 2016, la partenza da Catanzaro (km 0)
    Giro d'Italia 2016, la partenza da Catanzaro (km 0)
    Giro d'Italia 2016. La 4^ tappa, la prima italiana dell'edizione n°99, scatta dal capoluogo di Calabria. In questo video si vede la partenza ufficiale dal chilometro 0, situato sulla S.S. 280 in direzione Lamezia Terme (CZ). Il via è stato alle ore 12:20 del 10 maggio 2016.
  • Praia A Mare1 anno fa
    full hd video Giro D'Italia tappa 4..VIDEO intervista a Ulissi e Dumoulin
    Giro D'Italia tappa 4..VIDEO intervista a Ulissi e Dumoulin
    DIEGO ULISSI VINCE LA QUARTA TAPPA DEL GIRO D'ITALIA TOM DUMOULIN SI RIPRENDE LA MAGLIA ROSA Sul traguardo di Praia a Mare vince la prima tappa italiana della gara Il corridore Italiano Diego Ulissi (Lampre - Merida) ha vinto la quarta tappa del 99º Giro d'Italia, da Catanzaro a Praia a Mare di 200 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Tom Dumoulin (Team Giant - Alpecin) e Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo). Grazie al secondo posto, Tom Dumoulin (Team Giant - Alpecin) indossa la Maglia Rosa di leader della classifica generale della corsa. RISULTATO FINALE 1 - Diego Ulissi (Lampre - Merida) - 200km in 4h46'51", media 41,833 km/h 2 - Tom Dumoulin (Team Giant - Alpecin) a 5" 3 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) s.t. MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Tom Dumoulin (Team Giant - Alpecin) Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Marcel Kittel (Etixx - Quick-Step) Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Damiano Cunego (Nippo - Vini Fantini) Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step) a 20" CLASSIFICA GENERALE 1 - Tom Dumoulin (Team Giant - Alpecin) 2 - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step) a 20" 3 - Diego Ulissi (Lampre - Merida) s.t. Il vincitore Diego Ulissi, subito dopo il traguardo, ha dichiarato: "Sono estremamente felice. C’è stato un grandissimo lavoro di squadra. Valerio Conti ha lavorato sodo per portar fuori il gruppetto da dove sono uscito io. Sapevo che il gruppo inseguitore sarebbe andato più veloce di me ma sono riuscito a mantenere una buona velocità. Ho dato tutto quel che avevo. È una grande emozione". La nuova Maglia Rosa Tom Dumoulin, subito dopo l'arrivo, ha dichiarato: "È bello riprendersi la Maglia Rosa. Abbiamo lavorato proprio per questo. Abbiamo mandato Georg Preidler nell'ultima fuga. Sarebbe stato perfetto se fosse stato lui a prendere il comando della classifica generale ma non era destino. Ho cercato la vittoria di tappa alla fine ma Ulissi era semplicemente troppo forte"
  • Paesi Bassi 1 anno fa
    full hd video Giro d'Italia 2016.Il video della tappa 3 ultima in Olanda.
    Giro d'Italia 2016.Il video della tappa 3 ultima in Olanda.
    KITTEL COLPO DOPPIO NELL'ULTIMA TAPPA DEI PAESI BASSI Il velocista tedesco vince la seconda volata consecutiva e porta in Italia la Maglia Rosa. Oltre mezzo milione di persone hanno celebrato la Corsa Rosa nella terra dei tulipani Marcel Kittel (Etixx - Quick-Step) ha centrato il bis vincendo in volata la terza tappa del 99° Giro d’Italia tra Nijmegen ed Arnhem. Il tedesco ha preceduto sul rettilineo finale gli italiani Elia Viviani (Team Sky) e Giacomo Nizzolo (Trek – Segafredo). Ha anche indossato la prima Maglia Rosa della carriera. Più di mezzo milione di spettatori sulle strade hanno visto il Giro nella Provincia del Gelderland secondo le autorità dei Paesi Bassi e il comitato organizzativo locale. Oggi c'erano 30.000 persone in partenza a Nijmegen, 60.000 all'arrivo di Arnhem e 165.000 lungo la strada. La lunga fuga del giorno è partita al primo chilometro con Julen Amezqueta (Willier Triestina – Southeast) e Johann van Zyl (Team Dimension Data), oltre a Giacomo Berlato (Nippo – Vini Fantini) e Maarten Tjallingii (Team Lotto NL – Jumbo) che erano nel gruppo di testa anche il giorno prima. Il quartetto ha avuto un vantaggio massimo di 8’10’’ al km 68. Tjallingii ha conquistato la Maglia Azzurra degli scalatori passando per primo all'unico GPM della terza tappa a Posbank (km 134). Van Zyl ha continuato da solo ai -11 km. Ha fatto risalire il suo vantaggio fino a quasi un minuto ma il gruppo lo ha ripreso quando mancava solamente 1,7 km da percorrere e le squadre dei velocisti erano al lavoro per l’inevitabile volata. RISULTATO FINALE 1 - Marcel Kittel (Etixx - Quick-Step) - 190 km in 4h23’45”, media 43,222 km/h 2 - Elia Viviani (Team Sky) s.t. 3 - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo) s.t. MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Marcel Kittel (Etixx - Quick-Step) Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Marcel Kittel (Etixx - Quick-Step) Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Maarten Tjallingii (Team Lotto NL - Jumbo) Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Tobias Ludvigsson (Team Giant - Alpecin) CLASSIFICA GENERALE 1 - Marcel Kittel (Etixx - Quick-Step) 2 - Tom Dumoulin (Team Giant - Alpecin) a 9" 3 - Andrey Amador (Movistar Team) a 15" LE PILLOLE STATISTICHE Con la sua 4^ vittoria, Marcel Kittel raggiunge Rudi Altig quale tedesco più vittorioso nella storia del Giro (a 50 anni dalla prima vittoria di Altig che ne vinse due tappe nel 1966 e due tappe nel 1967) Dopo 10 anni la Maglia Rosa torna sulle spalle di un corridore tedesco: l’ultimo era stato Olaf Pollack, a Forlì nel 2006, per un giorno solo. Pollack ha avuto la Maglia Rosa per un giorno anche nel 2004 Altri tedeschi in Rosa: Jens Heppner (10 giorni nel 2002), Herman Buse (5 nel 1932), Stefan Schumacher (2 nel 2006), Gregor Braun (1 nel 1981) DICHIARAZIONI Marcel Kittel: “Il mio piano per il Giro è di affrontarlo obiettivo dopo obiettivo. Il primo era di far bene a cronometro, il secondo era di vincere due tappe allo sprint. Ora volerò verso l’Italia con la Maglia Rosa, è un grande onore. Sono fiero di quel che sono riuscito a fare in questi primi tre giorni. C’e l’ho fatta grazie al sostegno della mia squadra e alla mia condizione fisica che ormai è eccellente. Il grande numero di spettatori che hanno assistito alle mie vittorie e la maniera in cui mi sono imposto questi due giorni hanno reso la mia trasferta nei Paesi Bassi indimenticabile”. La Maglia Azzurra Maarten Tjallingii: “Parlando stamattina della mia fuga di ieri, ho detto che quel che mi è accaduto è una cosa che si può fare solo una volta nella vita. Invece andando ancora in fuga oggi, ho centrato il bis. E l’atmosfera sulla strada era eccezionale. Questo è il mio pubblico di casa. Abito ad Arnhem e siamo passati a 200 metri da casa mia. Avere il Giro d’Italia nel Gelderland è un regalo per me. Sapevo che c’era la possibilità di prendere la Maglia Azzurra se fossi riuscito ad andare in fuga. Le gambe facevano fatica per l'attacco di ieri ma il morale era altissimo. Sono molto felice di tornare in Italia con questa maglia”. DOMANI PRIMA GIORNATA DI RIPOSO - TRASFERIMENTO A CATANZARO TAPPA DI MARTEDÌ 10 MAGGIO Tappa n. 4 – CATANZARO – PRAIA A MARE – 200 km Tappa mossa, ma non particolarmente impegnativa nei primi 120 km. Si snoda essenzialmente lungo strade a scorrimento veloce ampie intervallate da alcune gallerie. Dopo Cetraro Marina si affronta la salita di Bonifati seguita dalla discesa che riporta sulla ss18 dalla quale si esce per affrontare il secondo GPM di giornata a San Pietro (prima parte con pendenze sensibili). Dopo il TV di Scalea il tracciato diventa più impegnativo per i saliscendi e per il percorso costellato di curve e controcurve fino all’immettersi negli ultimi 10 km. Ultimi km Ultimi km piuttosto articolati. A 10 km dall’arrivo si affronta il durissimo strappo di via del Fortino (pendenze fino al 18%) per poi scendere su Praia attraverso strade ampie con curve non particolarmente impegnative. Da segnalare due gallerie nella prima parte (meno pendente) della discesa. Rettilineo di arrivo lungo 2500 m (larghezza 7,5 m) su asfalto con una sola leggera semicurva ai 400 m. PUNTI D'INTERESSE CATANZARO – km 0 La città si affaccia sul golfo di Squillace, sul mar Ionio, nell’istmo di Catanzaro, la striscia di terra più stretta d’Italia (circa trenta chilometri) compresa fra il mar Tirreno e il mar Ionio. La sua parte più antica è disposta su tre colli, con il Duomo e i diversi, pregiati, palazzi storici di varie epoche. È d’origini antiche e ospita un polo universitario di rilievo con diversificate attività culturali. La caratterizza, dal 1962, l’ardito ponte ad arcata unica che scavalca il torrente Fiumarella. Ottimizza il collegamento fra la strada dei Due Mari, il centro storico e la viabilità per la Sila. Catanzaro Lido è la parte della città che si estende per vari chilometri sulla costa ionica. È la città natale del biologo e medico Renato Dulbecco (1914-2012) biologo e medico italiano, premio Nobel per la medicina nel 1975. Studiò Medicina all’Università di Torino, dove ebbe Ebbe come compagni universitari due futuri premi Nobel, Salvador Luria e Rita Levi Montalcini. Nel 1947 si trasferì negli States e con le sue ricerche (compiute nei laboratori dell'Università di Bloomington e del Caltech di Pasadena) tra gli anni cinquanta e gli anni settanta, scoprì il meccanismo d’azione dei virus tumorali nelle cellule animali. Il Giro d’Italia ha incontrato più volte la città, con arrivi di tappa. Nel 1930 vinse la tappa Luigi Marchisio, nel 1954 Nino Defilippis, nel 1965 il belga Frans Brand, nel 1972 lo svedese Gosta Petterson, nel 1996 il francese Hervé Pascal e infine Mark Cavendish a Catanzaro Lido nel 2008. LAMEZIA TERME – km 32 Si scende verso il Tirreno, in pianura, toccando il vasto territorio di Lamezia Terme, popolosa città con economia diversificata, costituita nel 1968 dall’unione amministrativa dei comuni di Nicastro, Sambiase e Sant’Eufemia Lamezia. È la sede del principale aeroporto della Calabria. MARINELLA (traguardo volante) – km 35 CAMPORA SAN GIOVANNI – km 57 e AMANTEA – km 65 Si entra quindi in provincia di Cosenza a Campora San Giovanni e si supera Amantea. Svincolo di PAOLA – km 91 Si prosegue, sempre sulla litoranea, nei territori di Paola, la città natale di San Francesco di Paola (1416-Tours 1507), l’eremita che ha fondato l’Ordine dei Minimi (in Germania gli originali produttori della birra Paulaner, chiamata così proprio in onore del Santo), patrono principale della Calabria. Lo ricorda il grande santuario a lui dedicato, meta di un diffuso turismo religioso. Il centro urbano si sviluppa soprattutto nella parte collinare e presenta vari altri motivi d’interesse quali il Castello. GUARDIA PIEMONTESE MARINA (zona rifornimento) – km 104 Si superano Guardia Piemontese Marina (Rifornimento di tappa) e Acquappesa Marina, che è stata sede di tappa in varie, recenti, edizioni della corsa rosa con traguardo nella località di Terme Luigiane. BONIFATI (GPM) – km 126 Dopo Cetraro Marina, la tappa affronta lo strappetto di Bonifati (GPM di tappa, 3^cat.). DIAMANTE – km 145 Diamante si trova nella costiera dei Cedri, prodotto tipico della zona. È una città ornata dai “murales”, con variegata gastronomia di mare e di terra fra i quali il famoso peperoncino. SAN PIETRO (GPM) – km 151 Altro strappo verso San Pietro (GPM di tappa, 3^cat.) e quindi discesa su Cirella con la visione dell’omonima isola, unica della Calabria con la vicina isola di Dino. Poco a nord del GPM San Pietro, la tappa transita per Maierà. Maierà e Grisolia sono noti per la loro caratteristica posizione: i due centri abitati (distanti l’un l’altro solo 900 metri in linea d'aria) sono separati da un profondo burrone. Il loro collegamento stradale è lungo più di 10 km. A Maierà si trova il “Museo del Peperoncino” che presenta varietà della spezia (nota come “oro rosso”) provenienti da ogni parte del mondo. A Grisolia si trova il Museo Civico Etnografico. SCALEA (traguardo volante) – km 175 Scalea (TV di tappa), con le sue ampie spiagge della parte moderna dominate dalla città vecchia che le sovrasta, è seguita da San Nicola Arcella, con la sua suggestiva baia rocciosa. PRAIA A MARE – km 200 Praia a Mare è una bella località costiera dell’alto tirreno cosentino con circa sei chilometri di litorale, dove sono attivi una sessantina di stabilimenti balneari. Nel suo territorio sorge l’isola di Dino, davanti a Capo dell’Arena, con una particolare natura che presenta numerose grotte sia al disopra, sia al disotto, del livello del mare. Le coste sono caratterizzate da molteplici strapiombi. La cittadina comprende nel suo territorio varie architetture religiose e militari, fra le quali la Torre di Fiuzzi, che testimoniano della sua storia attraverso varie epoche. L’economia è soprattutto turistica estiva ma non mancano attività artigianali e della piccola industria specifiche legate al territorio. È la prima volta che il Giro d’Italia fa tappa a Praia a Mare.
  • Paesi Bassi 1 anno fa
    full hd video Buongiorno dalla Tappa 1 del Giro d’Italia 2016. Il Video
    Buongiorno dalla Tappa 1 del Giro d’Italia 2016. Il Video
    Buongiorno dalla Tappa 1 dal 99esimo Giro d’Italia 2016 BUONGIORNO DALLA TAPPA 1 DEL GIRO D’ITALIA La 99^ edizione della Corsa Rosa prende il via oggi con una Cronometro Individuale di 9,8 km e tanti big al via. Favoriti di giornata gli specialisti Tom Dumoulin, Fabian Cancellara e Bob Jungels. Buongiorno dalla prima tappa del Giro d'Italia, in programma dal 6 al 29 maggio e organizzato da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, la Cronometro Individuale di Apeldoorn - Provincia del Gelderland - di 9,8 km. La prima tappa scatterà all'interno del velodromo di Apeldoorn, già sede dei Mondiali su Pista del 2011. Il primo atleta in gara, Fabio Sabatini (Etixx - Quick Step), partirà alle ore 13.45. Gli altri corridori seguiranno con intervalli di 1 minuto, con l'ultimo, Michael Hepburn (Orica GreenEdge), che partirà alle 17.02. Favoriti di giornata lo svizzero Fabian Cancellara (Trek - Segafredo), l'idolo locale Tom Dumoulin (Team Giant - Alpecin), il lussemburghese Bob Jungels (Etixx - Quick Step) e vari altri specialisti delle prove contro il tempo. METEO Apeldoorn (13.45 - Partenza): Soleggiato, 20°C. Vento: moderato – 18kmh. Apeldoorn (17.15 - Arrivo): Soleggiato, 23°C. Vento: moderato – 18kmh. ORARIO E PROGRAMMA Partenza: Apeldoorn, Omnisportcentrum Arrivo: Apeldoorn, Loolan Rilevamento Cronometrico - km 4,8 - Apeldoorn, General Van Heutszlaan Arrivo previsto ultimo corridore: 17.15 Quartiertappa: Apeldoorn, Omnisportcentrum MAGLIE Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel e Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani nato dopo il 1/1/1991, sponsorizzata da Eurospin. NOTE: Abbuoni: Traguardi Volanti: 3", 2" e 1" al 1º, 2º e 3º classificato. Traguardo finale: 10", 6" e 4" al 1º, 2º e 3º classificato. Le tappe a cronometro (1, 9 e 15) non prevedono abbuoni. In tutte le altre tappe vi sarà solo un traguardo volante con abbuoni per tappa, con un massimo abbuono possibile di 13". Il massimo abbuono possibile per l'intera corsa è di 234". Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida. NOTE: Le tappe sono divise in categorie, a seconda della categoria vengono assegnati punteggi diversi: Categoria a): 2 - 3 - 12 - 17 - 21 Categoria b): 4 - 5 - 7 - 11 Categoria c): 6 - 8 - 16 - 18 Categoria d): 10 - 13 - 14 - 19 - 20 Categoria e): 1 - 9 - 15 Agli arrivi di tappa verranno assegnati i seguenti punteggi: Categoria a e b: (primi 15 classificati) 50, 35, 25, 18, 14, 12, 10, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1 Categoria c: (primi 10 classificati) 25, 18, 12, 8, 6, 5, 4, 3, 2, 1 Categoria d e e: (primi 10 classificati) 15, 12, 9, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1 Ai traguardi volanti verranno assegnati i seguenti punteggi: Categoria a e b: (primi 8 classificati) 20, 12, 8, 6, 4, 3, 2, 1 Categoria c: (primi 5 classificati) 10, 6, 3, 2, 1 Categoria d: (primi 3 classificati) 8, 4, 1 Il numero massimo di punti ottenibili individualmente è di 1190. Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum, oggi non assegnata. NOTE: A seconda delle categorie, le salite assegnano diversi punteggi. L'elenco delle salite del Giro d'Italia che assegnano punti per questa speciale classifica è il seguente: CIMA COPPI Colle dell’Agnello (19) Al passaggio saranno assegnati rispettivamente i punti (primi 9 classificati): 45, 30, 20, 14, 10, 6, 4, 2, 1 GPM DI 1a CATEGORIA (10 in totale) Pian del Falco (10), Monte Maggiore (Matajur) (13), Cima Porzus (13), Passo Pordoi (14), Passo Giau (14), Alpe di Siusi/Seiseralm (15), Risoul (19), Col de Vars (20), Col de la Bonette (20), Colle della Lombarda (20). Al passaggio saranno assegnati rispettivamente i punti (primi 8 classificati): 35, 18, 12, 9, 6, 4, 2, 1 GPM DI 2a CATEGORIA (12 in totale) Bocca della Selva (6), Roccaraso/Aremogna (6), Le Svolte di Popoli (7), Alpe di Poti (8), Crai (13), Valle (13), Passo Sella/Sellajoch (14), Passo Campolongo (14), Passo Valparola (14), Passo della Mendola/Mendelpass (16), Fai della Paganella (16), Pramartino (18). Al passaggio saranno assegnati rispettivamente i punti (primi 6 classificati): 15, 8, 6, 4, 2, 1 GPM DI 3a CATEGORIA (10 in totale) Bonifati (4), San Pietro (4), Fortino (5), Scheggia (8), Passo della Collina (10), Pietracolora (10), Sestola (10), Passo Gardena/Grödnerjoch (14), Andalo (16), Sant’Anna di Vinadio (20). Al passaggio saranno assegnati rispettivamente i punti (primi 4 classificati): 7, 4, 2, 1 GPM DI 4a CATEGORIA (5 in totale) Berg-en-Dal (2), Posbank (3), Valico della Somma (7), Forcella Mostaccin (11), Passo Sant’Eusebio (17). Al passaggio saranno assegnati rispettivamente i punti (primi 3 classificati): 3, 2, 1 Il numero massimo di punti ottenibili individualmente è di 504. PERCORSO Tappa 1 – Apeldoorn (Cronometro individuale) 9,8 km Cronometro interamente cittadina che si snoda lungo ampi viali rettilinei con poche curve ad angolo retto. Lungo il tracciato si incontrano dossi, rotatorie e altri tipici ostacoli stradali dell’arredo urbano. Rilevamento cronometrico intermedio al km 4,8. Ultimi km Ultimi chilometri perfettamente pianeggianti caratterizzati da due curve verso destra connesse da tre rettilinei. L’ultima curva immette nel rettilineo di arrivo in asfalto di 600 m (larghezza 6,5 m) PUNTI D'INTERESSE APELDOORN – km 0 Il percorso è tracciato per intero nella città di Apeldoorn, piacevole centro della regione del Gelderland che, con circa centocinquantamila abitanti, si connota attraverso la tranquilla bellezza del suo abitato caratteristico, ai margini del grande parco nazionale Hoge Veluwe, istituito nel 1909 come proprietà privata allora, l’area conservativa più estesa d’Olanda. Qui vi dimorano cervi, mufloni e vari altri animali selvatici. Il grande parco occupa una superficie di quasi cinquecentocinquanta ettari, dove al centro del parco, si trova il museo d’arte Kroller-Muller che ricorda i fondatori del parco. È uno “scrigno” prezioso che espone vari dipinti del grande pittore olandese Vincent van Gogh (1853-1890), di Piet Mondrian, anch’egli olandese, e di Pablo Picasso. Accanto alla struttura museale, nell’adiacente giardino di sculture, sono visibili opere di Auguste Rodin, Henry Moore, Lucio Fontana e altri ancora. II visitatori del parco hanno a disposizione, gratuitamente, 1700 biciclette bianche per percorrere i sentieri e le stradine che lo solcano. Notevole è pure il casino di caccia St.Hubertus. La zona di partenza è prevista nel grande e moderno complesso, completato nel 2008, dell’Omnisportcentrum che comprende un velodromo coperto capace di contenere oltre cinquemilacinquecento spettatori, già sede d’importanti competizioni internazionali, e altre aree e strutture per la pratica di varie discipline sportive oltre a manifestazioni ed eventi vari quali concerti, mostre e altro ancora. La planimetria del percorso presenta uno sviluppo che si addentra nel cuore della città con lunghe diritture, si costeggia il Kanaal Noord, inaugurato nel 1868 e lungo 52 km che origina a Hattem e termina a Dieren, sempre nel fiume Ijissel. Si supera il ponte di Deventerstraat e si costeggia l’altro lato del canale. GENERAAL VAN HEUTSZLAAN (rilevamento cronometrico) – km 4,8 APELDOORN LOOLAAN – km 9,8 Si giunge, infine, all’arrivo in Loolaan. Apeldoorn è una città che può contare su una storia importante, di secoli, che l’hanno vista quale residenza estiva della famiglia regnante nella magnificente residenza del castello di Het Loo. La sua costruzione iniziò nel 1648. La commissionò Guglielmo III d’Orange con la consorte, Maria II Stuart, regina d’Inghilterra dal 1688 al 1694. È uno fra i principali edifici del barocco olandese che ha avuto, quale modello di riferimento, la reggia di Versailles. Una scenografia spettacolare è quella del vasto giardino che si estende all’opposto del monumentale ingresso. È stata sempre, per trecento anni circa, la residenza estiva degli Orange-Nassau che fu la casa regnante dal 1815 dei Paesi Bassi. Nel 1962, passò allo stato dopo la morte – qui avvenuta – della regina Guglielmina, per suo volere. Oggi ospita un museo nazionale con preziosi oggetti storici d’arte e del mondo della moda, antiche carrozze e vari pezzi da collezione. La pregevole e caratteristica struttura moderna dell’Orpheus Theater con vari ambienti e spazi culturali, la caratteristica struttura dei primi anni del 1900, oggi dichiarata monumento, che ospitava gli impianti di Radio Kootwijk, entità importante fino all’avvento dei satelliti per i collegamenti radio, a grande distanza, con le varie colonie e possedimenti olandesi sparsi nel mondo. C’è quindi l’Oranje Park con l’edificio di stile moderno e caratteristico della City Hall, ossia il palazzo comunale, la cattedrale, Grote Kerk nella lingua originale, elegante e monumentale con la torre campanaria, sono altri dei motivi d’interesse. Parchi, giardini, spazi dedicati, consentono varie attività, culturali e ludiche, quali il Drakenbootfestival, sul Canale, con gare d’imbarcazioni e altre attività che si svolge con successo ogni anno, a fine giugno, oppure l’istruttiva e divertente visita all’Apenheul Primate Park abitato da una grande quantità e varietà di scimmie e, per i più piccoli, l’Amusement Park Julianatoren con molte proposte a loro dedicate. Altri vari luoghi di ritrovo pubblico e quieto divertimento rendono Apeldoorn una meta ricercata del turismo interno e di provenienza estera, magari da visitare in bicicletta, mezzo di cui fanno un largo uso, i suoi abitanti. COPERTURA TV Le immagini della 99° edizione del Giro d’Italia verranno distribuite ai quattro angoli del globo: saranno 184 i Paesi collegati con la Corsa Rosa, tramite 29 diversi network televisivi, 24 dei quali trasmetteranno in diretta. IN ITALIA RAI – Radio Televisione Italiana, storico host broadcaster dell’evento, garantirà alla Corsa Rosa ampia copertura. Il racconto delle fasi live delle tappe sarà articolato in tre distinte trasmissioni: si comincia con “Prima diretta” su Rai Sport 1, per passare in simulcast anche su Rai 3 e Rai HD a “Giro in diretta” nella fascia oraria 15:10 - 16:15, che lancerà “Giro all’arrivo”, cronaca dell’ora finale di gara fino alle 17:15. Subito a ruota, le tradizionali analisi del dopo gara del Processo alla Tappa con chiusura alle 18:00. Dalle tappe italiane telecamere puntate anche sulla partenza, con Giro Mattina che dal relativo villaggio trasmetterà su Rai Sport 1 operazioni di firma, interviste e il via della tappa, soffermandosi anche su aspetti di colore. Aneddoti e approfondimenti storici e culturali garantiti dalla rubrica “Viaggio nell’Italia del Giro”. Per chi non ha la possibilità di seguire l’evento nel pomeriggio, completano il quadro la trasmissione serale TGiro, con il racconto della giornata appena conclusa, a partire dalle 20:00 su Rai Sport 1 e la successiva Giro Notte, riassunto di 90’ della tappa in programma per le 22:45 su Rai Sport 2. Streaming della Corsa Rosa sul sito www.rai.tv. NEL MONDO In Italia l’evento potrà essere seguito in diretta anche su Eurosport, che coprirà tutto il continente europeo grazie alle sue trasmissioni on-site in apertura alle 14:15 e al commento in 19 diverse lingue, distribuito in 53 Paesi. In Francia invece, la diretta delle tappe avrà luogo in esclusiva su beINSports, con approfondimenti direttamente dal campo di gara. L’emittente pubblica olandese NOS trasmetterà tre ore di diretta delle prime tre tappe aventi luogo sul proprio territorio, oltre agli ultimi 90 minuti delle tappe italiane disputate nei fine settimana e agli highlights giornalieri di ogni frazione. Copertura televisiva in chiaro in Europa è prevista anche per gli appassionati fiamminghi (con le dirette di VRT), danesi (live su TV2 Denmark), svizzeri (grazie a SRG SSR), spagnoli (diretta su Teledeporte e sull’emittente basca EITB) e kazaki, con gli highlights trasmessi da Kaz Sports. La Corsa Rosa sbarca in America Latina grazie al network ESPN, che coprirà l’evento in diretta grazie al commento portoghese in Brasile, inglese nei Caraibi e in spagnolo nei rimanenti Paesi del Sudamerica. Ampia scelta per gli appassionati colombiani, che potranno sintonizzarsi per seguire il live anche su RCN e su Señal Colombia. TDN garantirà la diretta in Messico e America Centrale, mentre beIN Sports trasmetterà negli Stati Uniti e RDS per il pubblico francofono del Canada. Giro d’Italia anche sugli schermi di Medio Oriente e Nord Africa grazie alle dirette di beIN Sports, mentre in Sudafrica e Africa Subsahariana l’evento sarà visibile su vari canali dell’emittente Supersport. In Asia, lo spettacolo della Corsa Rosa verrà offerto in diretta in 16 Paesi grazie a Eurosport Asia Pacific; J Sports trasmetterà live in esclusiva in Giappone, altrettanto farà LeTV in Cina. Gli highlights della gara saranno poi visibili su FPT Telecom in Vietnam, mentre a beneficio del pubblico thailandese le fasi salienti delle tappe sono in programmazione sia su True Visions che su NOW26. In Australia si conferma anche nel 2016 grande interesse per il Giro: SBS trasmetterà tutte le 21 le tappe in diretta, mentre Fox Sports ne offrirà gli highlights. Sia dirette, sia riassunti giornalieri in Nuova Zelanda grazie a Sky. Infine, le immagini della Corsa Rosa verranno distribuite in tutto il mondo attraverso la piattaforma SNTV - Sports News Television e grazie a Sport24, il canale sportivo 24 ore su 24 rivolto al pubblico dei passeggeri di aerei e navi da crociera.

Sta accadendo Tutte le storie