VAI AL VIDEO
hong kong - Dopo un'indagine di tre mesi a Hong Kong, gli attivisti di Sea Shepherd hanno raccolto le prove che il commercio di pinne di squalo è ancora fiorente, nonostante i divieti in atto. I commercianti di pinne di squalo aggirano le norme doganali dichiarando in spedizione titoli vaghi come "frutti di mare secchi" o "Marine Products". Qui vediamo due container Maersk scaricati a Sheung Wan, Hong Kong.